Ormai le criptovalute rappresentano un fenomeno sempre più difficile da ignorare, indipentemente da come le si consideri.

Soprattutto per le piattaforme che fanno dell’innovazione tecnologica la loro bandiera. A partire da PayPal, che non a caso si ritrova in queste ore al centro delle indiscrezioni che lo vorrebbero ormai sul punto di aprire all’acquisto di denaro digitale.

Voci che si sono scatenate dopo un lancio dell’agenzia Reuters, il quale fa riferimento ad un comunicato ufficiale rilasciato dall’azienda.

PayPal: cosa sta accadendo?

A scatenare i rumors è stata la recente licenza chiesta da PayPal al Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York, che l’ha a sua volta rilasciata.

Grazie ad essa e alla collaborazione instaurata con Paxos Trust Company sarà possibile per gli utenti della piattaforma acquistare Bitcoin, Ethereum, Litecoin e Bitcoin Cash.

La partnership con Paxos Trust Company si è resa necessaria proprio a causa della condizionalità della licenza ottenuta.

La quale obbliga in pratica PayPal, e tutte le nuove aziende del settore, a stringere rapporti con un licenziatario autorizzato, in previsione dell’ottenimento di una propria.

Perché la scelta di Paxos Trust Company?

La scelta di Paxos Trust Company è il risultato di una attenta valutazione, tesa ad individuare un partner in grado di semplificare al massimo i processi necessari per poter offrire un servizio di questo genere alla propria utenza.

L’azienda, infatti, può vantare Paxos Crypto Brokerage, un servizio di brokeraggio basato su API lanciato di recente.

Il quale consente una più facile gestione degli aspetti non solo tecnologici, ma anche normativi, legati alla compravendita di denaro digitale.

Con PayPal sarà possibile lo shopping con denaro digitale

Non si tratterà però soltanto di un servizio di compravendita di criptovalute, se si pensa che dai primi mesi del prossimo anno PayPal permetterà ai suoi utenti di fare acquisti con il proprio denaro virtuale presso i commercianti che aderiscono al suo circuito di pagamenti.

Si tratta di ben 26 milioni di esercenti dislocati in ogni parte del globo, i quali permetteranno ai 346 milioni di utenti attualmente detentori di un conto sulla piattaforma di utilizzare anche il denaro digitale per le proprie transazioni commerciali.

Qual è il vantaggio per i possessori di criptovalute?

La decisione di PayPal rappresenta un notevole vantaggio per chi possiede criptovalute. Nel caso di PayPal, infatti, sarà possibile fare shopping utilizzando asset digitali senza dover passare per le procedure KYC (Know Your Customer), le quali sono spesso lente e farraginose.

La decisione dell’azienda è stata indicata da molti analisti come un ulteriore passo in direzione dell’adozione di massa delle criptovalute.