Le presidenziali degli Stati Uniti si avviano verso l’ultima fase, dopo la scelta dei candidati da parte dei due partiti principali, repubblicano e democratico.

Se, naturalmente Donald Trump e Joe Biden monopolizzano le attenzioni di media ed elettori, questa tornata elettorale vedrà la partecipazione anche di alcuni candidati indipendenti.

Personalità che non hanno alcuna possibilità di vincere, ma le quali sono intenzionate a focalizzare la loro campagna su determinati aspetti. Come ad esempio Brock Pierce.

Presidenziali Stati Uniti: chi è Brock Pierce

Brock Pierce è un imprenditore operante ormai da tempo nel settore degli asset digitali.

Nel corso di una intervista rilasciata di recente, ha dichiarato che la sua strategia non è quella di vincere le presidenziali.

Compito il quale è ancora evidentemente impossibile in un sistema bipolare come quello degli Stati Uniti. Bensì di riuscire a vincere in qualche singolo Stato, in modo da porsi come ago della bilancia tra Trump e Biden.

Una missione comunque complicata, ma molto meno rispetto ad una vittoria delle presidenziali per la quale servirebbe qualcosa più di un miracolo.

Il reale obiettivo di Brock Pierce

Se Pierce riuscisse effettivamente a coronare con un successo la missione che si è prefisso, potrebbe con tutta evidenza realizzare il suo vero obiettivo, ovvero portare le criptovalute al centro dell’attenzione generale.

Attenzione la quale potrebbe essere acuita dalla partecipazione alle presidenziali di Kanye West, altro candidato da tempo favorevole agli asset digitali.

E anche dall’esigenza dell’opinione pubblica di conoscere i programmi di Trump e Biden al proposito. Il tema della criptovalute, infatti, potrebbe diventare un netto fattore di differenziazione tra i due candidati maggiori.

Il sostegno di Akon

La decisione di Brock Pierce, ha già destato molto interesse nel composito mondo della crittografia statunitense.

A partire da Akon, noto rapper che, secondo il notiziario online Cheddar si unirà alla sua campagna, nella veste di capo per la strategia.

L’artista si è fatto notare di recente per il lancio di una piattaforma crittografica grazie alla quale è possibile il trading tokenizzato di crediti di telefonia mobile, Akoin.

Un progetto fondato sul fatto che nel continente nero molte persone li usano per poter acquistare beni di base come prodotti, pesce, frutta e altro sul mercato.

Proprio per questo Akoin ha messo in campo la funzione “Atomic swap”, la quale permette agli utenti di scambiare crediti telefonici con denaro digitale.

Ovviando in tal modo alla perdita di potere d’acquisto la quale continua a gravare su molte monete sovrane africane.