Voto di scambio, arrestato deputato regionale siciliano

Passano gli anni ma le abitudini (dei politici italiani) rimangono le stesse. Il parlamentare regionale siciliano Giuseppe Gennuso, 65 anni, della lista di centrodestra Popolari ed Autonomisti, è stato arrestato dai carabinieri di Siracusa con l’accusa di voto di scambio.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Catania su richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo etneo. L’inchiesta vede coinvolte altre persone.

Gennuso, imprenditore, deputato regionale al suo quarto mandato, alle ultime elezioni aveva ottenuto nel collegio di Siracusa 6.567 preferenze. È l’ennesimo deputato dell’Ars finito sotto inchiesta da parte di una delle Procure siciliane con l’accusa di reati elettorali.

Oltre a Gennuso, sono stati arrestati anche due presunti affiliati a una cosca mafiosa di Avola. Uno è stato portato in carcere, l’altro è stato posto ai domiciliari. Per i tre il reato ipotizzato dal gip di Catania è scambio elettorale politico mafioso in concorso commesso in occasione delle ultime elezioni regionali siciliane.

Lascia un commento