Visite fiscali, Fnomceo chiede maggiori garanzie al governo

di | 19 febbraio 2014 | scienza | 0 commenti

visite fiscaliVisite fiscali, i medici Inps chiedono maggiori garanzie al governo. “È assolutamente necessaria e urgente la ridefinizione dell’attuale tipologia del rapporto di lavoro che i medici fiscali hanno con l’Inps, al fine di garantire agli stessi stabilità e certezza”. È quanto ha auspicato la Federazione nazionale degli ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), convocata ieri in audizione nell’ambito dell’indagine conoscitiva della commissione Affari sociali della Camera sull’attività dei medici fiscali.
In rappresentanza della Fnomceo è stato ascoltato il suo vicepresidente, Maurizio Benato. ”La funzione terza del medico fiscale raffigura infatti – ha sottolineato Benato – un’insostituibile garanzia di equilibrio del sistema, così come la richiesta d’ufficio delle verifiche dell’Inps consente di evitare comportamenti impropri anche da parte dei datori di lavoro”. La Fnomceo ha espresso “la speranza di addivenire a una rapida risoluzione della drammatica situazione venutasi a creare a seguito della sospensione e riduzione delle visite fiscali effettuate dai medici fiscali che operano per conto dell’Inps”.
A seguito dei tagli previsti dalla legge di Stabilità 2013, infatti, l’Inps decise, dal 2 maggio scorso, di sospendere le visite fiscali d’ufficio per i lavoratori del settore privato, lasciando operative solo quelle richieste dai datori di lavoro. Questa risoluzione ha comportato la sospensione del rapporto di lavoro per circa 1.400 medici fiscali. Di fatto, commento la Fnomceo, ”il provvedimento ha determinato il sostanziale licenziamento dell’intera categoria dei medici fiscali”. Le visite sono state poi ripristinate, ma con un budget di soli dodici milioni di euro, “del tutto insufficiente”.
Da qui le richieste della Fnomceo: costituzione presso l’Inps di un Polo unico per l’effettuazione delle visite di accertamento medico legale, sia per i lavoratori pubblici che per quelli privati; ridefinizione delle modalita’ di controllo sulle assenze per malattia dei dipendenti pubblici; inserimento, in tali attività, dei medici che oggi prestano funzioni fiscali presso le Asl. Infine, la Fnomceo auspica l’istituzione di un Tavolo tecnico di confronto sulla materia con la partecipazione dei ministeri coinvolti.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.