Vigili del fuoco, il ministro Alfano apre uno spiraglio

di | 5 agosto 2013 | politica | Commenti disabilitati su Vigili del fuoco, il ministro Alfano apre uno spiraglio

vigili_del_fuocoFinalmente il Governo Letta inizia a prendere in considerazione le legittime aspettative dei vigili del fuoco. Un corpo glorioso che, però, dal punto di vista del trattamento giuridico ed economico, viene fortemente penalizzato rispetto alle forze dell’ordine. Nonostante i pompieri siano sempre pronti a mettere in gioco la propria vita per il bene della collettività.

Il Conapo, uno dei maggiori sindacati dei vigili del fuoco, dopo aver partecipato ad una serie di incontri al ministero dell’interno, ha espresso “soddisfazione per l’apertura del ministro Alfano alle problematiche dei vigili del fuoco e della sicurezza dei cittadini”. “Lo ringraziamo – si legge in una nota – per aver accolto le nostre richieste di istituire uno specifico tavolo di confronto governo-sindacati, tenendo fede agli impegni presi  con il nostro sindacato durante la campagna elettorale. Bene anche la competenza del sottosegretario Bocci che ha reso noto che il governo sta lavorando a tre imminenti provvedimenti legislativi relativi ai vigili del fuoco ed alla sicurezza dei cittadini, che riguardano l’istituzione di un fondo per le emergenze e calamità, una norma di potenziamento per finanziare assunzioni di vigili del fuoco a costo zero utilizzando i soldi oggi spesi per richiamare il personale precario, e una norma che riguarda i servizi di elisoccorso svolti dai vigili del fuoco insieme al personale sanitario, servizi contestati dalle società private che vorrebbero entrare nel business”.

“Sono tutte richieste che il nostro sindacato porta avanti da tempo – sottolinea Antonio Brizzi, il segretario generale del Conapo – ecco perché siamo orgogliosi del contributo che il Conapo sta dando alla soluzione dei problemi, anche se, per esultare, aspettiamo che gli annunci del governo diventino effettivamente legge”.

Comments are closed.