Vertenza Electrolux, il governo sosterrà investimenti nella ricerca

di | 12 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

electroluxIl governo ha messo la vertenza Electrolux “sul binario giusto tenendo conto delle esigenze delle parti”. Parola del ministro dello Sviluppo economico, Flavio Zanonato, in audizione in Senato in commissione Industria sul caso della multinazionale svedese. Zanonato si è detto “moderatamente ottimista che una soluzione si possa trovare con la salvaguardia dei lavoratori, del reddito dei lavoratori e delle unità produttive”. Il ministro incontrerà presto i vertici dell’azienda mentre il 17 è convocato il tavolo ufficiale al ministero.
Zanonato ha fatto sapere che il ministro del Lavoro “si è già detto disponibile sul contratto di solidarietà, i sindacati devono dirci in che modo sono disponibili ad accogliere questo piano, fermo restando – ha chiarito il ministro – che non è accettabile per un lavoratore italiano lavorare per 800 euro al mese”.
Al momento non ci sono però le risorse per finanziare la decontribuzione della solidarietà per i lavoratori così come richiesto dall’azienda: anche perché per Zanonato “non si può usare la fiscalità per favorire un settore o un’azienda”.
Il governo è poi impegnato a “sostenere investimenti” che puntino all’innovazione. Un fronte sul quale il ministero è pronto ad attivare il fondo per la crescita sostenibile, fornendo finanziamenti a un “tasso agevolato”. Si parla in particolare di un tasso dello 0,8% fino al 100% delle spese ammissibili in ricerca e sviluppo per rendere il prodotto più competitivo. Per il ministro però “l’azienda dovrebbe collocare prodotti in una fascia diversa da quella attuale”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.