Vaticano, Parolin è il nuovo Segretario di Stato (non ancora Cardinale)

di | 31 agosto 2013 | attualità | Commenti disabilitati su Vaticano, Parolin è il nuovo Segretario di Stato (non ancora Cardinale)

Mons_Pietro_ParolinIl Santo Padre Francesco ha accettato, secondo il Can. 354 del Codice di Diritto Canonico, le dimissioni di Sua Eminenza il Cardinale Tarcisio Bertone, Segretario di Stato, chiedendogli, però, di rimanere in carica fino al 15 ottobre 2013, con tutte le facoltà inerenti a tale ufficio. Nel medesimo tempo il Santo Padre ha nominato Sua Eccellenza Monsignor Pietro Parolin, Nunzio Apostolico in Venezuela, come nuovo Segretario di Stato. Egli prenderà possesso del suo ufficio il 15 ottobre. In quell’occasione, Sua Santità riceverà in Udienza Superiori ed Officiali della Segreteria di Stato, per ringraziare pubblicamente il Cardinale Bertone per il suo fedele e generoso servizio alla Santa Sede e per presentare loro il nuovo Segretario di Stato.

Monsignor Parolin è nato a Schiavon (Vicenza) il 17 gennaio 1955. È stato ordinato sacerdote il 27 aprile 1980 e incardinato nella diocesi di Vicenza. È laureato in Diritto Canonico. Entrato nel servizio diplomatico della Santa Sede il 1° luglio 1986, ha prestato la propria opera presso le Rappresentanze Pontificie in Nigeria e in Messico e presso la Sezione per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato. È stato nominato Sotto-Segretario della Sezione Rapporti con gli Stati della Segreteria di  Stato il 30 novembre 2002. Il 17 agosto 2009 è stato nominato Nunzio Apostolico in Venezuela ed elevato in pari tempo alla sede titolare di Acquapendente, con dignità di Arcivescovo. Ha ricevuto l’ordinazione episcopale dalle mani di Papa Benedetto XVI il 12 settembre dello stesso anno. Oltre all’italiano, conosce il francese, l’inglese e lo spagnolo.

“Nel momento in cui viene resa pubblica la nomina a Segretario di Stato – ha affermato il neo Segretario di Stato (che non è stato ancora creato Cardinale) – desidero esprimere profonda e affettuosa gratitudine al Santo Padre Francesco, per l’immeritata fiducia che sta dimostrando nei miei confronti, e manifestarGli rinnovata volontà e totale disponibilità a collaborare con Lui e sotto la Sua guida per la maggior gloria di Dio, il bene della Santa Chiesa e il progresso e la pace dell’umanità, affinché essa trovi ragioni per vivere e sperare”. “Sento viva la grazia di questa chiamata – continua – che, ancora una volta, costituisce una sorpresa di Dio nella mia vita e, soprattutto, ne sento l’intera responsabilità, perché essa mi affida una missione impegnativa ed esigente, di fronte alla quale le mie forze sono deboli e povere le mie capacità. Per questo mi affido all’amore misericordioso del Signore, dal quale nulla e nessuno potrà mai separarci, e alle preghiere di tutti. Tutti ringrazio, fin d’ora, per la comprensione e per l’aiuto che, in qualsiasi forma, mi vorranno prestare nello svolgimento del nuovo incarico”. Inoltre il Santo Padre Francesco ha confermato nei rispettivi uffici i monsignori Giovanni Angelo Becciu, Sostituto per gli Affari Generali; Dominique Mamberti, Segretario per i Rapporti con gli Stati; Georg Gänswein, Prefetto della Prefettura della Casa Pontificia; Peter Wells, Assessore per gli Affari Generali e Antoine Camilleri, Sotto-Segretario per i Rapporti con gli Stati.

Comments are closed.