Toscana contro la ludopatia, Irap maggiorata per chi ha slot machines

di | 9 ottobre 2013 | attualità | Commenti disabilitati su Toscana contro la ludopatia, Irap maggiorata per chi ha slot machines

Slot MachineTributi maggiorati per chi, nel proprio esercizio commerciale, decide di mantenere le famigerate slot machines; contributi e agevolazioni, al contrario, a quanti se ne privano salvando la pace ed il portafogli di molte famiglie. È quanto prevede la legge appena varata dalla Regione Toscana per quanto concerne il gioco consapevole e la prevenzione della ludopatia.

Il testo è stato approvato dall’aula con 38 voti favorevoli (su 39 votanti) e uno contrario, quello di Marco Taradash (Pdl). I titolari dei locali nei quali sono collocate le macchinette dovranno pagare una Irap maggiorata dello 0,1 per cento. Nell’atto, si stabilisce il divieto di pubblicità dei giochi con vincite in denaro quando c’è incitamento al gioco, e i gestori delle sale saranno tenuti ad esporre avvisi con i rischi connessi alla dipendenza da gioco.
Le Asl, d’accordo con i Comuni, dovranno organizzare corsi di formazione per personale delle sale ed esercenti ”finalizzati alla prevenzione e riduzione degli eccessi del gioco patologico”.Infine, sarà costituito un Osservatorio regionale sul fenomeno della dipendenza da gioco per monitorare e promuovere campagne di informazione e sensibilizzazione.

Secondo il presidente della commissione Sanità, Marco Remaschi, “il testo è il frutto di un lungo lavoro che ha unificato ben quattro proposte di legge di iniziativa consiliare in materia, presentate dai consiglieri dei gruppi Udc, FdI, Più Toscana e Pd”. “I quattro atti – ha spiegato – si presentavano unanimi nelle finalità, volte a promuovere e regolamentare l’accesso consapevole e responsabile al gioco lecito per prevenire e contrastare i fenomeni di dipendenza patologica e assicurare il trattamento terapeutico e il recupero sociale dei soggetti coinvolti”.

Comments are closed.