Tifone, prosegue la raccolta di aiuti dei filippini in Italia

di | 12 novembre 2013 | attualità | 0 commenti

tifoneMentre continuano ad arrivare le immagini drammatiche e devastanti del tifone nelle Filippine, continua anche la preghiera delle numerose comunità cattoliche filippine in Italia. Gli oltre 150.000 filippini in Italia, si stanno incontrando nelle chiese, nelle associazioni di Roma e Milano, di Firenze, Verona, Padova, Treviso, Siracusa, Reggio Calabria, Viareggio per raccogliere informazione sui familiari, organizzare i primi aiuti.
Tra i Paesi europei l’Italia, dopo la Gran Bretagna, ha il più alto numero di filippini, arrivati in Italia a partire dagli anni ’70 ed oggi con molti giovani di seconda generazione.

“Il loro apprezzato lavoro nelle famiglie, nei luoghi di turismo, tra i marittimi – afferma il direttore generale della Fondazione Migrantes, monsignor Giancarlo Perego – il loro percorso di integrazione e la loro esperienza di fede rendono importante in questo dramma fare sentire la vicinanza delle Chiesa in Italia”.

In Italia operano nella pastorale per i filippini 120 presbiteri diocesani e religiosi. Il coordinatore nazionale, padre Paulino Elmer Bumanglag, è in contatto con tutte le comunità cattoliche presenti in Italia per avere informazioni e coordinare gli aiuti.  “Come coordinatore nazionale della pastorale dei Filippini in Italia – spiega il sacerdote – insieme ai miei connazionali, sento il peso di questa dolorosa tragedia, una tragedia immane”. La comunità cattolica filippina ringrazia Papa Francesco e la Chiesa in Italia per la preghiera, oltre che il Presidente del Consiglio italiano Enrico Letta, che si sono resi molto vicini al popolo filippino messo in ginocchio dall’ennesimo disastro ambientale”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.