Tifone nelle Filippine, dispersi anche dodici italiani

di | 11 novembre 2013 | attualità | 0 commenti

filippine_tifoneSono dodici gli italiani che mancano all’appello dopo il tremendo tifone Haiyan che ha colpito le isole filippine. Di loro purtroppo ancora nessuna notizia. “Le persone che ci sono state segnalate o di cui ci sono state richieste notizie e che non siamo ancora riusciti a contattare sono poche unità, forse una dozzina – ha spiegato l’ambasciatore italiano a Manila, Massimo Roscigno – speriamo che si tratti solo di un problema di comunicazione”.

Nel frattempo il bilancio delle vittime è stimato intorno alle diecimila persone. Secondo i dati delle Le Nazioni Unite solo a Tacloban, sono stati seppelliti in una fossa comune dai 300 ai 500 corpi. Inoltre diventa sempre più difficile la situazione per i sopravvissuti. In migliaia vagano alla disperata ricerca di cibo, acqua e medicine a fronte di soccorsi che rischiano di essere insufficienti.

Sempre a Tacloban, l’ente filippino per l’aviazione civile (Caap) ha parzialmente riaperto l’aereoporto per consentire un più rapido arrivo degli aiuti umanitari in una zona al quarto giorno senza elettricità, cibo e acqua. Diversi Paesi e organizzazioni umanitarie hanno già inviato centinaia di tonnellate di aiuti, arrivati però finora solo in minima parte data la necessità di utilizzare solo elicotteri militari o le strade di accesso in gran parte ancora inagibili.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.