Stretta del credito, calano ancora i prestiti a famiglie e Pmi

di | 10 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

creditoCome se non bastasse la crisi economica, famiglie e Pmi continuano a subire la stretta del credito. Calano ancora, infatti, i prestiti al settore privato nel mese di dicembre rispetto allo stesso mese del 2012. Lo comunica Bankitalia, precisando che i finanziamenti ai privati hanno registrato una contrazione su base annua del 3,8% (-4,3% a novembre). I prestiti alle famiglie sono invece scesi dell’1,2% sui 12 mesi (-1,5% nel mese precedente); quelli alle società non finanziarie sono diminuiti, sempre su base annua, del 5,3% (-6% a novembre).
Da segnalare poi la lieve discesa dei tassi di interesse sui mutui alle famiglie per l’acquisto di abitazioni, passati dal 3,86% di novembre al 3,80% di dicembre. In calo anche i tassi sulle nuove erogazioni di credito al consumo, passati all’8,69% dopo il 9,20% di novembre. I tassi d’interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie fino a un milione sono risultati pari al 4,36% (erano al 4,38% a novembre); quelli sui prestiti sopra un milione sono al 2,82% (erano al 2,76% a novembre). Mentre i tassi passivi sul complesso dei depositi sono stati pari allo 0,97%.
Palazzo Koch dice poi che crescono le sofferenze per il sistema bancario: a dicembre infatti il tasso di crescita sui dodici mesi è stato pari al 24,6%, mentre si fermava al 22,7% a novembre.
Infine, a dicembre rallenta il tasso di crescita sui dodici mesi dei depositi del settore privato, risultato del 2,3% (6,1% a novembre). In diminuzione anche la raccolta obbligazionaria, diminuita dell’8,3% sui dodici mesi (-7,3% a novembre).

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.