Strategie antidroga, l’Italia guida dei Paesi del Mediterraneo

di | 16 dicembre 2013 | società | 0 commenti

droga“International training to implement drug Strategies and interventions in the Mediterranean area”. Questo il titolo di una importante iniziativa di formazione e di approfondimento promossa e gestita dal Dipartimento politiche antidroga (Dpa) della presidenza del Consiglio dei ministri e dalla Scuola nazionale dell’Amministrazione, in collaborazione con il ministero della Salute. All’evento, in corso questa mattina, partecipano delegazioni da Marocco, Egitto, Giordania, Libano, Portogallo, Tunisia, Montenegro, Serbia, Slovenia, Romania, Turchia, Grecia, Ungheria e Malta. 

Il corso è finalizzato al rafforzamento delle competenze istituzionali per l’organizzazione e il management di focal point nazionali antidroga e osservatori epidemiologici regionali per lo sviluppo, la gestione e la realizzazione di Piani d’Azione nazionali Antidroga. “Il principale obiettivo del progetto – si legge in un comunicato – è quello di fornire know-how e competenze per lo sviluppo, la gestione e la realizzazione di politiche sulla droga e programmi d’azione”.

Roberto Cerreto, della Presidenza del Consigli, ha evidenziato che “soltanto l’unione degli sforzi, basati su una conoscenza condivisa, profonda e scientifica del fenomeno, può produrre dei risultati veramente adeguati a combattere efficacemente un fenomeno che non riconosce frontiere né principi etici”. Giovanni Serpelloni, capo del Dpa, dal canto suo, ha aggiunto che “oggi l’Italia, attraverso questo corso, sta offrendo un modello di prevenzione che potrà essere adattato e utilizzato da tutti quei Paesi che ne faranno richiesta”. 

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.