Sondaggio Ixè: Renzi il leader più amato dagli italiani

di | 28 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

Renzi CameraMatteo Renzi è il leader più amato dagli italiani. A rilevarlo è una ricerca Ixè per Agorà effettuata tramite mille interviste su un campione casuale di persone. Il primo dato emerso è che se anche il discorso che ha fatto il neo premier alle Camere è convincente ma generico per un italiano su due, in una settimana Renzi ha guadagnato ben dieci punti, passando dal 52 per cento al 62, affermandosi così come il leader “più amato dagli italiani”. Tutt’altro risultato, secondo Ixè, per Beppe Grillo, che perde tre punti, passando dal 34 al 31, mentre rimane stabile, invece, Berlusconi.

Dal sondaggio si constata, inoltre, una critica verso la linea politica adottata dal partito di Grillo che, secondo due elettori del Movimento 5 Stelle su tre ( il 65 per cento), favorevoli al dialogo con il neo presidente del Consiglio, dovrebbe essere più morbido e più aperto al dialogo nei confronti dell’attuale governo. Il contrario di quanto è accaduto durante l’incontro avvenuto durante le consultazioni e in cui l’ex comico non ha lasciato parlare il segretario Pd. Per il restante, il 35 per cento, invece dovrebbe essere intransigente come ora.

La ricerca individua che per un elettore di Forza Italia su due inoltre, il neopremier ricorda Silvio Berlusconi. A rivedere il Cavaliere in Renzi sarebbe il 50 per cento degli intervistati, elettori del partito di centrodestra. In merito alle parole pronunciate in Parlamento, il segretario democratico persuade il 57 per cento degli intervistati. A essere stato convinto da quanto prospettato dal premier è l’82 per cento degli elettori del Pd, il 60 per cento degli elettori di Forza Italia e il 49 di quelli del Movimento 5 Stelle. Tuttavia, solo per il 36 per cento degli intervistati il neo presidente del Consiglio è stato concreto nel suo messaggio al Parlamento. In merito alla squadra di governo, Graziano Delrio si afferma come il “ministro più amato degli italiani” col 44 per cento. A seguire, Dario Franceschini (42) e Maurizio Lupi (41). Dopo la nomina di Renzi, in una settimana il Pd guadagna quasi un punto e raggiunge la soglia del 30,3 per cento.

Il partito guidato dall’inquilino di Palazzo Chigi si afferma dunque come la prima formazione politica e stacca quasi di otto punti Forza Italia, che passa dal 21,7 al 22,5 per cento. Terzo il Movimento 5 Stelle che però perde quasi due punti e scende dal 23,7 per cento al 21,8.

Per quanto riguarda le elezioni Europee, se si andasse a votare oggi, secondo il sondaggio, il Pd si affermerebbe come primo partito, al 28,5, seguito da Forza Italia al 23,2 e dal Movimento 5 Stelle al 22,7.

 

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.