Sito online della Camera, Storace contro Boldrini: costi troppo elevati

di | 20 agosto 2013 | politica | Commenti disabilitati su Sito online della Camera, Storace contro Boldrini: costi troppo elevati

storaceSoldi dei contribuenti spesi male? Sotto accusa finisce il sito online della Camera dei deputati che costerà quattro milioni di euro in tre anni. Sulla questione Francesco Storace, segretario della Destra, attacca la presidente di Monitecitorio, Laura Boldrini, ribattezzata “Gold-rini” ( Boldrini d’oro).

L’esponente politico denuncia che il portale costerà il 50 per cento in più rispetto all’ultima gara esperita dall’ex presidente Fausto Bertinotti. All’epoca, infatti, era previsto un esborso di 70mila euro al mese (contro i 100 previsti ora). La querelle è cominciata in febbraio, una volta in scadenza il bando con tre società che avevano avuto in affidamento diretto la gestione dei servizi internet. L’appalto aveva un costo di 1 milione e 400 mila euro circa all’anno, ed era stato assegnato a due società senza gara pubblica. Il nuovo bando è stato pubblicato il 20 Luglio (con scadenza il 20 settembre) sulla Gazzetta Ufficiale italiana ed Europea con una base di un 1 milione e 200 mila euro all’anno per tre anni, cui va aggiunta l’Iva.

“Chiediamo notizie a Laura Boldrini, ma non risponde. Perché adesso tace?” – ha scritto su Twitter il leader de La Destra.”Visto che puntualizza su tutto ci attendiamo che lo faccia anche su un appalto che sembra dover costare come se avessero assunto Bill Gates nel servizio informatico di Montecitorio”. 

Immediata la replica, secondo la quale, in realtà, con la nuova gara ci sarà un risparmio di 15mila euro al mese rispetto ai costi attuali. La base d’asta non sarà il prezzo definitivo in quanto vincerà chi offrirà il maggior ribasso, nel rispetto, ovviamente, dei requisiti di qualità. Quei risparmi di oltre 200 mila euro all’anno “andranno ad aggiungersi ai 10 milioni di euro già tagliati per decisioni dell’Ufficio di Presidenza nei primi cinque mesi della legislatura”.

 

 

 

 

 

Comments are closed.