Sentenza Ruby, Berlusconi ricorre in appello

di | 2 gennaio 2014 | attualità | 0 commenti

RubyL’ex presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, tramite i suoi difensori, ha depositato oggi a Milano il ricorso in appello contro la sentenza con cui è stato condannato dal Tribunale a 7 anni di carcere per il caso Ruby. Nel ricorso si chiede l’assoluzione dalle accuse di concussione e prostituzione minorile con la formula “perché il fatto non sussiste”.

Non sono stati d’accordo con questa ricostruzione dei fatti i giudici di primo grado, secondo i quali “risulta provato che l’imputato abbia compiuto atti sessuali con El Mahroug Karima in cambio di ingenti somme di denaro e di altre utilità quali gioielli”.

Il Tribunale ha ritenuto “lo stabile inserimento della ragazza nel collaudato sistema prostitutivo di Arcore ove giovani donne, alcune delle quali prostitute professioniste, compivano atti sessuali in plurimi contesti”.

“Risulta provato – si legge ancora nel testo del provvedimento che l’ex senatore contesta in toto – che il regista delle esibizioni sessuali delle giovani donne fosse proprio Berlusconi, il quale dava il via al cosiddetto bunga bunga in cui le ospiti di sesso femminile si attivavano per soddisfare i desideri dell’imputato, ossia per fargli provare piaceri corporei, come chiarito dalla stessa El Mahroug, inscenando balli con il palo da lapdance, spogliarelli, travestimenti e toccamenti reciproci”.

Non ci resta che attendere, nell’interesse della verità e della giustizia, il verdetto di appello…

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.