Scatta anche a Milano il recupero dei farmaci validi non ancora scaduti

di | 6 dicembre 2013 | solidarietà | 0 commenti

Fondaz_BancoFarmaceuticoPrende il via anche a Milano l’iniziativa per il Recupero dei Farmaci Validi non Scaduti. L’esperimento promosso da Banco Farmaceutico era partito il 10 aprile scorso nelle 43 farmacie comunali di Roma, prima città in Italia a sperimentare questa raccolta permanente del farmaco. Adesso la meritoria iniziativa sbarca nella terra lombarda dove è stato siglato un protocollo di intesa tra il Comune di Milano, Federfarma, Fofi, Azienda Farmacie Milanesi e Fondazione Banco Farmaceutico che prevede la raccolta di medicinali in 54 farmacie milanesi di cui 12 comunali.

Bisogna considerare che i farmaci ancora validi che quotidianamente restano inutilizzati o vengono sprecati e gettati sono davvero tanti. Si tratta di una risorsa che può rappresentare invece un bene prezioso per coloro che non hanno possibilità economica per accedere alle cure. Come a Roma, in tutte le farmacie milanesi che aderiscono all’iniziativa, saranno posizionati appositi contenitori di raccolta facilmente identificabili in cui chi vuole può donare i medicinali di cui non ha più bisogno. Possono essere recuperati farmaci con almeno 8 mesi di validità, correttamente conservati nella loro confezione originale integra, con l’esclusione dei farmaci che richiedono conservazione a temperatura controllata, quelli ospedalieri (fascia H) e appartenenti alla categoria delle sostanze psicotrope e stupefacenti.

L’esperimento voluto da Banco Farmaceutico con l’obiettivo di coinvolgere sempre più farmacie ed enti caritativi, è molto importante, basti pensare che si stima che ogni anno restano inutilizzati nelle nostre case oltre 1,066 kg di farmaci pro capite. Vale a dire che in 365 giorni solo per la città di Milano vanno perse 1500 tonnellate di farmaci, che devono essere smaltiti come rifiuti speciali. Se poi allarghiamo lo sguardo a livello nazionale, i farmaci scaduti da smaltire salgono a 64mila tonnellate, con conseguenze facilmente intuibili sia per l’ambiente sia per la spesa. Infatti, il costo medio per lo smaltimento dei farmaci scaduti è di circa 1,50 euro al chilo. Ad esempio, per il Comune di Milano, questo significa che l’Amministrazione comunale deve sostenere la spesa di 2 milioni e 250mila euro l’anno per lo smaltimento di questi rifiuti speciali. Sono molti gli enti milanesi che hanno aderito e che saranno beneficiari nella raccolta. Tra i tanti: Assistenza Sanitaria San Fedele, Associazione Fratelli di San Francesco, Medici Volontari Italiani e Opera San Francesco.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.