Sarubbi conquista il Teatro “Orione” di Roma con “Il mio nome è Pietro”

di | 25 gennaio 2014 | teatro | 0 commenti

locandina SarubbiHa retto la scena per oltre un’ora, riuscendo, con la sua verve, a coinvolgere e ad emozionare il pubblico. Pietro Sarubbi, il “Barabba” del film di Mel Gibson sulla Passione di Cristo, continua a portare in giro per l’Italia, con successo, il coinvolgente monologo “Il mio nome è Pietro” di Giampiero Pizzol per la regia di Otello Cenci.

Davanti ad una platea entusiasta, si è esibito al Teatro “Orione” di Roma su iniziativa del Banco Farmaceutico di Roma e del Lazio che, grazie al dinamismo del dottor Livio De Angelis, ha organizzato una serata di sensibilizzazione in vista della Giornata di raccolta del farmaco in programma l’8 febbraio prossimo.

Un bel momento di teatro, dunque. Che acquista ulteriore maggior pregio per la finalità sociale collegata.

teatroIl Banco Farmaceutico è una organizzazione di beneficenza che, grazie ai propri volontari ed alla disponibilità di aziende e privati, opera per alleviare la sofferenza dei più poveri, rispondendo al fabbisogno farmaceutico delle persone indigenti. Ogni anno il secondo sabato di febbraio, in tutta Italia, migliaia di volontari, sono presenti nelle oltre 3300 farmacie aderenti, invitando i cittadini a donare farmaci per gli enti assistenziali della propria città.

L’attore e regista sostiene questa grande mobilitazione di uomini, donne e bambini con uno spettacolo in cui dà il meglio di sé, lasciando trasparire la straordinaria umanità di Pietro, il suo essere semplice, “terra terra”, le contraddizioni e le debolezze di chi ha vissuto, da vicino, gli anni cruciali della parentesi terrena del Salvatore assistendo ai miracoli ed ai discorsi e ne è rimasto letteralmente folgorato.

Non si tratta, però, soltanto di bravura. Sarubbi si immedesima nel personaggio, perché, come Pietro, grazie ad un percorso di riavvicinamento alla Fede, si sente un uomo nuovo e vive la sua condizione di cristiano con gioia, secondo gli insegnamenti di Papa Francesco. Il 28 marzo l’attore sarà di nuovo a Roma per portare la sua testimonianza di convertito grazie all’incontro con Cristo e proseguire la sua missione di evangelizzatore dalle tavole del palcoscenico.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.