Rifiuti, Alleanza delle Cooperative Italiane: “l’avvio del Sistri creerà molti problemi operativi”

di | 6 settembre 2013 | ambiente | Commenti disabilitati su Rifiuti, Alleanza delle Cooperative Italiane: “l’avvio del Sistri creerà molti problemi operativi”

sistriL’avvio del Sistri, previsto per il 1° ottobre, desta preoccupazione per i tanti problemi operativi determinati dalla riattivazione del sistema, che comporteranno pesanti oneri organizzativi ed economici per gli operatori, in particolare le imprese di trasporto e di gestione degli impianti. L’Alleanza delle Cooperative Italiane, settore Servizi e Utilities, nutre perplessità in merito alle norme contenute nel Decreto Legge 101/2013 per la parte inerente il Sistri.
L’organizzazione, pur apprezzando la disponibilità del Ministro Orlando ad accogliere ulteriori suggerimenti da inserire nel corso dell’iter parlamentare del decreto, sottolinea “i tantissimi problemi di ordine operativo determinati dalla riattivazione del sistema e che si renderanno evidenti soprattutto a partire dal primo ottobre”.
“La consultazione ministeriale promossa nel giugno scorso – sottolinea una nota – che aveva portato all’indicazione unanime delle categorie economiche di non fare partire il Sistri, attraverso la condivisione di un formale documento, era la strada maestra che avrebbe dovuto essere seguita: il Decreto Legge 101, invece, pur con una serie di passi avanti e di aperture, percorre in subordine la via della riduzione del danno”.
L’esclusione dal Sistri dell’obbligo per i produttori, a giudizio dell’Alleanza delle Cooperative settore Servizi e Utilities, “determinerà, nella prima fase, la concentrazione delle difficoltà su trasportatori e gestori di impianti: tante sono le cooperative, che operano nella filiera interessate dal provvedimento”.
Ecco il motivo per il quale viene ribadita la disponibilità per realizzare un’efficiente modalità di tracciabilità dei rifiuti, posizione sostenuta fin dalla presentazione del Sistri agli inizi del 2010.
Di qui l’auspicio che “nel corso dei prossimi giorni possano maturare proposte e azioni che consentano una decorrenza meno difficoltosa di quella che si prospetta per il mese di ottobre”.

Comments are closed.