Regione Lazio, arrivano i fondi del Programma straordinario per la povertà

di | 22 novembre 2013 | economia | 0 commenti

zingarettiArrivano i fondi del “Programma straordinario per la povertà”. La Giunta regionale del Lazio ha approvato il bando che assegna al Terzo settore cinque dei dodici milioni del programma regionale contro la poverta annunciato il 17 ottobre scorso. L’avviso pubblico è destinato alle associazioni di promozione sociale, alle cooperative, alle imprese sociali, alle fondazioni, agli istituti di patronato e assistenza sociale, agli enti religiosi e alle onlus.

I progetti potranno riguardare servizi di mensa, recupero e consegna di cibo, l’accoglienza notturna, i centri diurni, l’inserimento lavorativo, l’accoglienza e sostegno alle mamme sole con minori, il recupero degli emarginati a causa della disabilità psichica o fisica, il contrasto alle povertà minorili e l’inclusione sociale degli anziani soli. Lo scopo, oltre ad ampliare l’offerta dei servizi già attivi, stimolando l’integrazione fra soggetti pubblici e privati secondo il principio di sussidiarietà, è quello di supportare interventi rivolti al maggior numero di persone in stato di deprivazione. Proprio per questo motivo, i progetti ammessi allo stanziamento dovranno avere un budget annuale non inferiore ai 100mila euro e potranno arrivare, per Roma Capitale, fino a 800mila euro.

Per garantire a ciascun territorio della Regione una quota proporzionale di risorse, il bando prevede la suddivisione dello stanziamento in otto budget, destinati rispettivamente a Roma Capitale (cui andranno 2 milioni 176mila euro), Latina, Viterbo, Rieti, Frosinone, il distretto socio assistenziale di Roma F con l’aggiunta del Comune di Fiumicino, e i distretti Roma G e Roma H. “Dare sostegno al terzo settore con azioni concrete e mirate di fronte ad una crisi economica che ha acuito il disagio sociale nel nostro territorio – spiega il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti- è indispensabile per mettere al centro dell’azione pubblica tutte le migliori energie della società civile laziale e creare un vero sistema di welfare in cui ogni soggetto è chiamato a fare la sua parte”. “Sui nuovi bisogni che il cambiamento sociale ci presenta – conclude – vogliamo dare risposte più efficaci ai cittadini e alle cittadine del nostro territorio che ogni giorno combattono contro la miseria per affermare il proprio diritto a vivere una vita dignitosa”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.