Presentato il premio giornalistico intitolato a Roberto Morrione

di | 12 novembre 2013 | cultura | 0 commenti

MorrioneGiunto alla terza edizione, è stato presentato nella sede Rai di Viale Mazzini il bando del Premio giornalistico “Roberto Morrione”. Presenti alla conferenza il direttore generale dell’azienda Luigi Giubitosi, Monica Maggioni direttore di RaiNews 24 e altri promotori dell’iniziativa. Intitolato alla memoria del fondatore di RaiNews24 e di Libera Informazione, morto di tumore nel 2011, il concorso – sezione del Premio Giornalistico Televisivo Ilaria Alpi – è rivolto a giovani giornalisti, free lance, studenti, volontari dell’informazione che non abbiano compiuto 31 anni.

Il Premio nasce con l’obiettivo di promuovere, sostenere e incentivare concretamente esperienze formative nel campo del giornalismo d’inchiesta. “Per la Rai – ha spiegato durante la presentazione il direttore Generale della Rai, Luigi Gubitosi – è importante fare giornalismo d’inchiesta autorevole. Ci sono tanti giornalisti iscritti all’albo, ma quanti sono autorevoli? Dovremmo far sì che i nostri giornalisti siano quelli che abbiano più autorevolezza e credibilità. Oltre alle dosi necessarie di tecnica, di mestiere, è importante che le scuole di giornalismo insistano molto sull’etica, ad esempio sull’importanza di verificare le notizie”. “Più in generale – ha aggiunto – dobbiamo far sì che la nostra informazione sia autorevole, credibile. Doti molto più importanti di altre. Il giornalismo è una professione bellissima, che ha una grande responsabilità: quella di potere e dovere informare. Ed è quindi estremamente importante farlo con equilibrio, accuratezza e autorevolezza”.

“Roberto Morrione – ha affermato Monica Maggioni, direttore di Rai News24 – è stato un grande paradigma del giornalismo d’inchiesta. Tranne che per qualche programma, questa non è ancora un Rai che ha lo spazio o la forza per avere le grandi redazioni d’inchiesta”. Il premio, per Maggioni, offre però “ai giovani la possibilità, una volta all’anno, di trovare strumenti, spazi, vie di collaborazione per lavorare su questo modo di essere giornalisti”. Secondo Beppe Giulietti, portavoce dell’Associazione Articolo 21, “Morrione aveva nel cuore l’idea del Servizio Pubblico come bene comune”. Giulietti, ha poi concluso che “sarebbe molto bello se, il prossimo anno, l’Azienda di Servizio Pubblico e gli Enti Locali dell’Emilia Romagna potessero dedicare un appuntamento particolare a Roberto Morrione e Ilaria Alpi”.

La giuria che selezionerà i tre progetti migliori tra quelli pervenuti, rendendoli noti entro il 31 gennaio 2014, è presieduta da Marcella Sansoni e composta da professionisti dell’informazione e operatori dei media.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.