Mobbing a scuola, condannati preside e Ministero

di | 7 novembre 2013 | attualità | 0 commenti

Prof.Antonio_BorrielloÈ uno dei maggiori esperti del Premio Nobel della Letteratura Samuel Beckett, i suoi saggi sono stati adottati in importanti Università, tra cui la “Ca’ Foscari” di Venezia, ha tenuto interventi e relazioni all’Università Tor Vergata di Roma, al Trinity College di Dublino, alla Humboldt di Berlino, a Los Angeles e Tokyo ma per il suo dirigente sarebbe stato tutt’altro che un docente modello.

Ieri il giudice del lavoro Stefania Basso del Tribunale di Torre Annunziata ha stabilito che il professor Antonio Borriello (nella foto) è stato fatto oggetto di una serie di atti vessatori da parte del preside del liceo dove prestava servizio all’epoca dei fatti.

Di qui la condanna di quest’ultimo, unitamente al Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca: “è una delle poche sentenze del genere emesse in Italia – commenta il suo legale, Giovanni Amendola – il Ministero è stato chiamato a rispondere non per responsabilità oggettiva ma diretta”.

La sentenza è immediatamente esecutiva, ma le controparti possono proporre appello o ricorrere per Cassazione.

Nel corso del processo sono state passate in rassegna varie vicende verificatesi a partire dal 2008, tra cui anche la nota con cui dirigente aveva riscontrato, in senso negativo, la proposta di una onorificenza per il professore Borriello avanzata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero per i suoi alti meriti scientifici.

Per alcuni fatti sono, tuttora, in corso dei procedimenti penali a carico del preside che, da agosto scorso, presta servizio in un altro istituto scolastico della fascia pedemontana del Vesuvio.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.