Milano, deraglia treno: morte tre donne. Decine di feriti

di | 25 gennaio 2018 | attualità | 0 commenti

Come da sempre, sicurezza dei treni e situazione in cui versano i pendolari italiani sono problemi che le Ferrovie di Stato Italiane sottovalutano preferendo di gran lunga dare la priorità all’alta velocità dei Frecciarossa, ai soldi e al bilancio da mostrare come risultato di fine anno. Ma ogni anno avviene qualcosa che ci riporta alla dura realtà e ci rammenta che i due problemi in questione debbano avere la giusta attenzione che meritano. Un’attenzione prioritaria. 

È il caso del tragico incidente avvenuto alle 6.57 di stamattina del  treno regionale 10452, partito da Cremona alle 5.32 e diretto a Milano Porta Garibaldi, deragliato all’altezza di Seggiano di Pioltello.  A quell’ora il convoglio era pieno di lavoratori e pendolari, rimasti intrappolati nelle lamiere e per tre di loro l’impatto è stato fatale. Poi, si registrano decine di feriti. 

Il treno era partito da Cremona alle 5.32 e sarebbe dovuto arrivare a Milano Porta Garibaldi alle 7.24.  Immediatamente è stato lanciato l’allarme e sul posto sono intervenuti tutti i mezzi di soccorso disponibili dalla regione e anche da fuori. Dall’Emilia Romagna è giunta una eliambulanza. Intervenuti anche vigili del fuoco, Polfer e carabinieri di Cassano D’Adda. A quanto pare si tratterebbe di un” cedimento strutturale di un rotaia” a circa due chilometri e 300 metri dal luogo dell’incidente e non allo scambio come si era ipotizzato inizialmente. Sono comunque in corso accertamenti per individuare il punto esatto e le cause del disastro, sono trascorse ancora poche ore”, ha detto Vincenzo Macello, responsabile di Rfi della Lombardia.  ​

Purtroppo, non è il primo episodio che accade in Italia, sono diversi i precedenti che si sarebbero potuti evitare con le dovute precauzioni e manutenzione. Ma dagli errori come si è visto si impara sempre poco.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.