L’occupazione femminile è ai massimi dal ’77, bene anche i giovani

di | 31 luglio 2017 | economia | 0 commenti

Il tasso di disoccupazione a giugno scende all’11,1% in calo di 0,2 punti rispetto a maggio. Lo rileva l’Istat, spiegando che si torna allo stesso valore dell’aprile scorso, che corrisponde ai livelli di settembre-ottobre 2012. Il tasso di occupazione delle donne (15-64 anni) a giugno raggiunge il 48,8%; si tratta del valore più alto dall’avvio delle serie storiche, ovvero almeno dal 1977

Il numero degli occupati a giugno riprende a crescere dopo il calo di maggio. L’Istat rileva infatti una crescita di 23 mila unità su base mensile, dovuta – spiega – esclusivamente al rialzo dei dipendenti a termine, aumentati di 37 mila unità. L’Istat fa notare come l’incremento di giugno abbia consentito un recupero, seppure parziale, rispetto alla flessione di maggio.

Anche il tasso di disoccupazione giovanile torna a scendere. La disoccupazione giovanile, tra i 15 e i 24 anni – secondo i dati dell’istituto, infatti – a giugno torna a scendere, attestandosi al 35,4%, in calo di 1,1 punti percentuali su maggio.

Il numero dei dipendenti a termine, a giugno, raggiunge quota 2,69 milioni, toccando il valore più alto da quando sono disponibili le serie storiche per questo dato, ovvero dal 1992

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.