L’Italia ha bisogno di un ministro per la Famiglia

di | 31 ottobre 2013 | politica | 0 commenti

Sberna-Mario“Il Paese ha bisogno di un ministro per la Famiglia, o di un viceministro con delega ad hoc, che prenda a cuore le sue necessità”. Lo hanno sottolineato i deputati Paola Binetti e Mario Sberna (nella foto) intervenendo al Convegno “La famiglia, speranza e futuro per la società italiana” sulle conclusioni dei Gruppi di Studio della XLVII Settimana sociale promosso alla Camera dei Deputati.

Parlando del cambio di prospettive necessario per passare da un welfare assistenziale al cosiddetto welfare delle opportunità, Binetti ha ricordato la sua proposta di legge sull’istituzione di un Garante della Famiglia “che sappia e possa valutare l’impatto familiare di ogni ddl presentato, analogamente con quanto si fa con l’impatto ambientale”.

“Porre la famiglia al centro del sistema politico-parlamentare – continua – è una delle promesse ripetutamente ribadite dal presidente del Consiglio, anche nel suo intervento a Torino in occasione della XLVII settimana sociale: promessa che rischia però di rimanere sospesa tra le buone intenzioni, come del resto sembra emergere anche dal recente decreto di stabilita”.

Attesa la sua centralità, lo Stato, dunque, deve difendere e promuovere la famiglia, perché essa è la base fondamentale ed insostituibile della società. Oggi più che mai i politici, specie quelli che dicono di ispirarsi al Magistero e alla Dottrina sociale della Chiesa, hanno il compito di difenderla, tutelando il posto di lavoro, garantendo sgravi fiscali alle giovani coppie, alle famiglie numerose e monoreddito, perché dal suo stato di salute dipendono la stabilità sociale e l’economia.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.