Legalità, protocollo di intesa tra Alleanza delle Cooperative e Viminale

di | 14 novembre 2013 | legalità | 0 commenti

ViminaleContrastare le infiltrazioni della criminalità organizzata nell’attività di impresa, tutelando i principi di legalità e di concorrenza leale, i diritti dei lavoratori e la sicurezza sui luoghi di lavoro; estendere e rafforzare la partecipazione delle cooperative, sulla base delle positive esperienze già realizzate, alla gestione delle imprese e dei beni confiscati alla criminalità organizzata per il loro recupero a fini produttivi. Sono questi gli obiettivi principali del Protocollo di Legalità tra Ministero dell’Interno e Alleanza delle Cooperative Italiane, firmato questa mattina dal Viceministro Filippo Bubbico e dai Presidenti di Agci, Rosario Altieri, di Confcooperative, Maurizio Gardini, e di Legacoop, Giuliano Poletti.

Per attuare gli obiettivi individuati, l’Alleanza delle Cooperative si impegna, tra l’altro, a promuovere, presso tutte le articolazioni territoriali e settoriali delle tre Centrali cooperative, l’etica della responsabilità e l’adozione di principi che contemplino l’obbligo di espulsione e/o sospensione delle imprese associate in presenza di condizioni determinate sulla base del protocollo; a raccogliere dati ed informazioni concernenti le imprese fornitrici, appaltatrici e subappaltatrici; a promuovere presso le imprese associate l’adozione di regole mirate a disciplinare la scelta responsabile dei propri partner, subappaltatori e fornitori.

Per parte sua, il Ministero dell’Interno si impegna ad ottimizzare le procedure di rilascio della documentazione antimafia; ad incentivare il ricorso allo strumento dell’accesso ai cantieri, per un compiuto monitoraggio delle attività imprenditoriali, mirato alla verifica degli appalti, dei subappalti e dei fornitori; a promuovere, nell’ambito dei criteri per l’attribuzione del rating di legalità delle imprese, la valorizzazione dell’adesione delle cooperative al protocollo.

Un importante elemento di novità dell’accordo è l’impegno ad individuare congiuntamente le modalità per agevolare la partecipazione delle cooperative alle gestioni delle imprese e dei beni confiscati e sequestrati alla criminalità organizzata ed a promuovere l’adozione degli strumenti più opportuni per garantire a tali cooperative l’assistenza manageriale, la formazione dei lavoratori, il sostegno alla capitalizzazione,  l’accesso al credito e gli sbocchi commerciali delle produzioni, attivando a questo fine le opportune collaborazioni con l’Agenzia nazionale per l’Amministrazione e la Destinazione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. In particolare, il Ministero dell’Interno e l’Alleanza delle Cooperative Italiane intendono promuovere l’istituzione di un Fondo di rotazione per il sostegno all’avvio e all’operatività di queste cooperative, coinvolgendo i fondi per la promozione cooperativa delle tre centrali Cooperative ed altri fondi disponibili presso il Ministero dello Sviluppo Economico.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.