La “Via Crucis” dei cassintegrati contro le politiche di Sma Simply

di | 31 ottobre 2013 | economia | 0 commenti

foto sit-inUna vera e propria ‘Via Crucis’, con tanto di stazioni per dire “no” alle politiche del gruppo Sma Simply. Dalla chiusura di ben 3 punti vendita nel Lazio, al calvario della disoccupazione, passando per il percorso a ostacoli della cassintegrazione e della mobilità.

Flaica Cub Roma, insieme a 40 lavoratori, ha dato vita a un sit-in dimostrativo a piazzale Della Radio-angolo via Stefano Longanesi; si tratta della quarta manifestazione promossa dal sindacato di base che non si dà per vinto: “Non possiamo accettare che il gruppo ex Rinascente continui indisturbato a compiere scelte che scaricano la crisi solo sulle spalle di chi lavora – ha sottolineato Giancarlo Desiderati, segretario provinciale della Flaica Cub Roma – Ma è altrettanto intollerabile che Sma Simply disattenda impegni presi al tavolo con la Regione Lazio”.

La promessa di dare la priorità ai lavoratori che beneficiano di ammortizzatori, in vista dell’apertura di nuovi store, infatti, fino a questo momento non è stata mantenuta. “Ci batteremo senza sosta contro tali condotte – ha concluso il sindacalista – La nostra protesta terminerà solo quando arriveranno segnali concreti dai vertici aziendali e, finalmente, potremo toccare con mano un cambio di passo rispetto al sistematico impiego di lavoro stagionale e interinale che calpesta la dignità dei lavoratori”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.