Italo-Ntv va agli americani del fondo Gip: sì all’offerta da due miliardi

Ormai è confermato. Ntv-Italo non entrerà più in Borsa perché proprio oggi ha accettato l’offerta del fondo Usa Global Infrastructure Partners (Gip) che la ha acquistata per 1,940 miliardi di euro per l’ intero 100% del capitale sociale.

Tra le clausole contrattuali è previsto che gli attuali azionisti di Italo incassino il dividendo di 30 milioni deliberato dall’assemblea della società e in più che la stessa sostenga spese relative all’interrotto processo di quotazione fino ad un massimo di 10 milioni di euro. Il fondo Gip ha anche confermato di farsi carico dei 440 milioni di debito di Italo-Ntv. Pertanto l’intera operazione sfiora i 2,5 miliardi di euro.

L’offerta prevede poi che la sottoscrizione del contratto di compravendita, la cui esecuzione (closing) è condizionata dal via libera dell’Antitrust, avvenga entro l’11 febbraio. Gli attuali azionisti hanno poi la facoltà di reinvestire fino ad un massimo del 25% dei proventi derivanti dalla vendita alle stesse condizioni di acquisto da parte di Gip. In mattinata, intanto, è convocato il Cda di Italo-Ntv che procederà al ritiro della domanda di autorizzazione alla pubblicazione del prospetto depositata presso Consob e di ammissione a quotazione delle azioni della società depositata presso Borsa Italiana.

Lascia un commento