Incidenti domestici, ogni anno quasi due milioni al pronto soccorso

di | 5 febbraio 2014 | salute | 0 commenti

AnzianiLa propria casa, purtroppo, anche se ispira giustamente protezione nasconde insidie molto pericolose. Infatti ogni anno in Italia si verificano circa due milioni 800 mila incidenti domestici, con un’incidenza di 50 casi ogni mille abitanti/anno.
Nel 2012 1,8 milioni di italiani sono finiti al pronto soccorso per un incidente in casa: al primo posto le cadute e in cima alla classifica delle vittime gli anziani. Soprattutto se donne, se soli o se ospiti di case di cura o di ospedali. Qui, infatti, l’incidenza delle cadute è due-tre volte superiore rispetto a quella nelle abitazioni e per di più con complicazioni maggiori. Sono i dati del Siniaca (Sistema informativo sugli infortuni in ambienti di civile abitazione dell’Istituto superiore di sanità), pubblicati sul sito del ministero della Salute.
Il tutto si traduce non solo in termini di disabilità e ricoveri ospedalieri, lunghi e costosi per il Servizio sanitario nazionale (è stata calcolata una spesa di circa 400 milioni di euro per un ricovero da incidente domestico), ma anche in gravi ripercussioni psicologiche: la perdita di sicurezza e la paura di cadere possono accelerare infatti il declino funzionale e indurre depressione o isolamento. Tra le persone finite in ospedale, il 20% erano bambini (0-14 anni), il 30% adulti (15-49 anni), il 22% adulti anziani (50-69 anni) e il 28% ultrasettantenni (70 anni e più). L’evento più frequente è sul totale dei casi rappresentato da: caduta/inciampo/salto/spinta da un’altezza non specificata (29,7%); caduta a livello (11,9%); urti (15,5%); incidenti con oggetti penetranti o taglienti (11,8%).
Sommando tra loro tutte le dinamiche con caduta si ottiene una percentuale prossima al 50% dei casi (47,9%). Con l’aumentare dell’età appare incrementarsi la quota degli “inciampamenti” rispetto a quella degli “scivolamenti” perché l’anziano tende ad inciampare più facilmente in oggetti, strutture e fili, per problemi di postura, vertigini o semplicemente perché non vede bene.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.