Incentivi ai circhi senza animali, Fondazione Migrantes preoccupata

di | 30 ottobre 2013 | attualità | 0 commenti

circoIn Gazzetta ufficiale dell’8 ottobre 2013 è stato pubblicato il decreto legge n. 91 dell’8/8/2013 convertito in legge n. 112 del 7/10/2013, dal titolo “Disposizioni urgenti per la tutela, la valorizzazione e il rilancio dei beni e delle attività culturali e del turismo”. Nel testo, all’art. 9, si abroga l’art. 1 della legge del 14 novembre 1979, n. 589 e si stabilisce che il Ministro dei beni e delle attività culturali “può destinare graduali incentivi in favore di esercenti attività circensi e spettacoli viaggianti senza animali, nonché esercenti di circo contemporaneo nell’ambito delle risorse ad essi assegnate”.

Questa indicazione inserita nella legge favorisce la scelta di campo di abbandono del ‘circo equestre’ e di ogni forma di attività di spettacolo con gli animali: un cedimento alla demagogia, mentre attraverso l’Eca, Ente Internazionale che rappresenta oltre 130 tra circhi, festival, addestratori e presentatori di animali in 29 paesi, diversi stati del mondo stanno sostenendo la proposta di considerare ‘patrimonio dell’umanità, in senso immateriale, proprio il circo equestre. Anziché giustamente provocare a regole più attente e condivise sulla custodia degli animali, in senso generale, la legge produce solo un cambio di destinazione delle risorse per le attività culturali dello spettacolo viaggiante verso attività e attrazioni senza gli animali.

La Fondazione Migrantes è preoccupata che “i graduali incentivi verso attività circensi e spettacoli viaggianti senza animali” determini una scelta culturale precisa, che non corrisponde alla storia del circo italiano e non favorisce certamente un corretto rapporto tra uomo e animali. I maltrattamenti degli animali, che purtroppo caratterizzano altri luoghi e altre forme di spettacolo clandestino, da perseguire pesantemente, sono identificati in un luogo, il circo, e in uno spettacolo, quello viaggiante, che da sempre ha guardato agli animali come alla risorsa più importante del proprio lavoro e dello spettacolo.

“Spiace che, ancora una volta un tassello importante e riconosciuto della storia e della cultura italiana – spiega Monsignor Giancarlo Perego, direttore generale della Migrantes – venga offeso e sacrificato alla luce di scelte ideologiche. La valorizzazione di un mondo animale ‘amico dell’uomo’, compagno di strada per tante persone e famiglie dello spettacolo viaggiante, con l’attenzione educativa al mondo dei bambini e ragazzi, paradossalmente viene sacrificata, impedendo di fatto di investire in spettacoli e attrazioni in cui possano essere protagonisti gli animali stessi”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.