In libreria “Il fango e la gloria”, ultima spystory di Antonella Colonna Vilasi

di | 25 novembre 2013 | cultura | 0 commenti

colonnaUna spystory ambientata durante la seconda guerra mondiale che ripercorre la vera espwerienza di una spia americana di origini svedesi che, fingendo di collaborare con tedeschi, permise agli Alleati di distruggere gli impianti petroliferi del Reich. Questa, in estrema sintesi, la trama de “Il fango e la gloria”, ultimo romanzo in ordine di tempo di Antonella Colonna Vilasi (nella foto), docente universitaria, saggista e analista con frequentazioni anche in Medio Oriente, Nord Africa ed Est Europa, nonché Presidente del Centro Studi “Intelligence, Scienze strategiche e Sicurezza” con sede a Roma.

Tutto nasce dalla passione dell’autrice per la storia delle relazioni internazionali e dell’intelligence. Un ambito di studio davvero complesso, nel quale, però, la Colonna Villasi si muove con estrema maestria. Lo dimostra la vasta produzione letteraria e scientifica fin qui realizzata. La scrittrice, che è anche giornalista, ha infatti realizzato “Reportage dal Libano. Tra guerre, Servizi segreti e Primavera araba”;“The History of MI-6” (Simon&Schuster); “Storia dei servizi segreti italiani. Dall’Unità d’Italia alle sfide del XXI secolo” (Città del Sole edizioni); “The History of Mossad” (Penguin); “Intelligence. Evoluzione e funzionamento dei servizi segreti” (Libellula edizioni);“Trilogia – Le Agenzie mondiali di Intelligence”(Libellula edizioni).

Nel volume “Il fango e la gloria” l’autrice racconta la vera storia di una spia che faceva parte dell’agenzia di intellince Oss, Office of Strategic Service, che operava alle dirette dipendenze della Casa Bianca e che, oltre ai tradizionali compiti di raccolta e analisi delle informazioni, mise in piedi anche una fitta rete di azioni di sabotaggio. Sciolta l’Oss a guerra conclusa, nel 1947 con il National Security Act del Presidente Truman nacque la Cia (Central Intelligence Agency), l’attuale agenzia di spionaggio per l’estero degli Stati Uniti.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.