Il trekking in tasca per esplorare i Parchi della Valle d’Aosta

di | 22 agosto 2013 | ambiente | Commenti disabilitati su Il trekking in tasca per esplorare i Parchi della Valle d’Aosta

valle-d-aostaDal mese di agosto è disponibile la “Carta dei sentieri Giroparchi: trekking dei parchi della Valle d’Aosta” realizzata dal progetto Giroparchi per facilitare la mobilità dolce tra i sentieri creati nelle aree del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco Naturale Mont Avic. La carta, disegnata in scala 1:50.000 e stampata in formato pieghevole, rappresenta l’intera area valdostana dei due Parchi e indica tutti i sentieri disponibili, evidenziando gli otto itinerari Giroparchi.

Sul retro della carta gli itinerari Giroparchi sono descritti in pratiche schede che riportano sia le indicazioni dei percorsi sia i dati utili per affrontare il sentiero e organizzarne la percorrenza, come difficoltà, numero di tappe consigliate, luogo di partenza e arrivo, quota di partenza e arrivo, dislivello di salita e discesa, tempo di percorrenza e anche una serie di link utili per approfondire i servizi sul territorio quali rifugi e bivacchi, collegamenti WiFi gratuiti, bike sharing elettrico e altri servizi. Non mancano le indicazioni per la sicurezza e i numeri di telefono da contattare in caso di emergenza o necessità.

La Carta è uno strumento indispensabile per i trekker che intendono immergersi nella natura e nella cultura dei parchi valdostani. I servizi innovativi che costellano il territorio e che la Carta aiuta ad individuare sono studiati per favorire la scoperta dei maestosi scenari della Regione in tutta tranquillità e sicurezza. L’iniziativa persegue l’obiettivo di valorizzare la vocazione al turismo naturalistico e culturale dell’area del Gran Paradiso e dell’area del Mont Avic, promuovendo l’integrazione e lo sviluppo delle attività economiche connesse al turismo sostenibile. I territori del Parco Nazionale Gran Paradiso e del Parco naturale Mont Avic, insieme costituiscono un importante corridoio ecologico a livello europeo.

Comments are closed.