Il Papa ai nuovi cardinali: niente festeggiamenti mondani

di | 13 gennaio 2014 | attualità | 0 commenti

Papa e cardinali“Ti chiedo, per favore, di ricevere questa designazione con un cuore semplice e umile. E, sebbene tu debba farlo con gaudio e con gioia, fa in modo che questo sentimento sia lontano da qualsiasi espressione di mondanità, da qualsiasi festeggiamento estraneo allo spirito evangelico di austerità, sobrietà e povertà”.
Papa Francesco non si smentisce. In una lettera inviata ai cardinali designati ieri pubblicamente nel corso dell’Angelus – ma che saranno creati nel concistoro del prossimo 22 febbraio, Festa della cattedra di Pietro – invita i futuri porporati a vivere la nomina senza mondanità.

Gioia sì, ma nel cuore. Niente festeggiamenti, dunque, che striderebbero con lo spirito del cardinalato che, come scrive il Santo Padre, non è “una promozione, né un onore o una decorazione” ma più “semplicemente un servizio che esige di ampliare lo sguardo e allargare il cuore”.

”Benché sembri un paradosso – aggiunge il Pontefice – questo poter guardare più lontano e amare più universalmente con maggiore intensità si può acquistare solamente seguendo la stessa via del Signore: la via dell’abbassamento e dell’umiltà, prendendo forma di servitore”.

La missiva è stata recapitata ai monsignori Pietro Parolin, segretario di Stato, Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei Vescovi, Gerhard Ludwig Muller, prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede e Beniamino Stella, prefetto della Congregazione per il Clero che sono a capo di importanti dicasteri e strutture della Curia romana. Accedono alla porpora anche i monsignori Vincent Gerard Nichols, Arcivescovo di Westminster (Gran Bretagna); Leopoldo Josè Brenes Solorzano, Arcivescovo di Managua (Nicaragua); Gerald Cyprien Lacroix, Arcivescovo di Quebec (Canada); Jean-Pierre Kutwa, Arcivescovo di Abidjan (Costa d’Avorio): Orani Joao Tempesta, O.Cist., Arcivescovo di Rio de Janeiro (Brasile); Mario Aurelio Poli, Arcivescovo di Buenos Aires (Argentina); Andrew Yeom Soo jung, Arcivescovo di Seoul (Korea), Ricardo Ezzati Andrello, S.D.B., Arcivescovo di Santiago del Cile (Cile); Philippe Nakellentuba Ouedraogo, Arcivescovo di Ouagadougou (Burkina Faso); Orlando B. Quevedo, O.M.I., Arcivescovo di Cotabato (Filippine), Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia – Città della Pieve e agli emeriti (non elettori), Loris Francesco Capovilla, Arcivescovo titolare di Mesembria, storico segretario del prossimo Santo, Giovanni XXIII, Fernando Sebastian Aguilar, C.M.F., Arcivescovo emerito di Pamplona e Kelvin Edward Felix, Arcivescovo emerito di Castries.

Peccato che la nostra classe politica non prenda esempio dal capo della Chiesa universale…

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.