Il Liceo “Fermi” di Paternò presidio di pace e di cultura della legalità

di | 14 ottobre 2013 | legalità | Commenti disabilitati su Il Liceo “Fermi” di Paternò presidio di pace e di cultura della legalità

studentiGli studenti del Liceo Scientifico “Fermi” di Paternò, comune che sorge ai piedi dell’Etna in Provincia di Catania, hanno scritto un’altra memorabile pagina di impegno per la legalità. Dopo un incontro culturale avvenuto lo scorso aprile con il presidente del Centro Studi “Parlamento della Legalità”, Niccolò Mannino, hanno pensato bene di agire con fatti concreti usando fantasia, intelligenza, creatività e voglia di libertà da una sub cultura che offende la bellezza dei loro cuore e la fragilità dei loro sogni.

muraleGiovanni Bongiovanni, leader indiscusso dell’istituto e tutti i suoi colleghi hanno dato vita, nelle scorse settimane, al Murale della legalità. Il 12 ottobre scorso la scuola in questione, presidio costante di legalità, ha ospitato un nuovo incontro.

“La sera prima c’era stato il diluvio – racconta, un po’ emozionato, Mannino – sabato un sole splendente ha invece applaudito l’iniziativa. Sono più di 1000 i volti della speranza e della semplicità che ho incontrato, perché sono arrivati anche studenti di altre scuole e qualche giovane universitario che conosciamo già da anni”.

La manifestazione ha preso il via intorno alle 9,15 con messaggi e slogan a favore della gratitudine, della gioia, dell’impegno culturale. Poi tutti hanno intonato a squarciagola la canzone dei Modà, “Come un Pittore…”, volendo con ciò esprimere una sola certezza: mafia e mafiosi non ci fanno paura. Successivamente ha preso la parola anche Salvatore Sardisco, un papà, componente della Presidenza del Parlamento della Legalità. I ragazzi hanno anche voluto dedicare un minuto di silenzio per le vittime di Lampedusa.

Comments are closed.