Il Corpo Forestale dello Stato entra nella Dia anche territoriale

di | 14 ottobre 2013 | ambiente | Commenti disabilitati su Il Corpo Forestale dello Stato entra nella Dia anche territoriale

Corpo_Forestale_dello_Stato“Il provvedimento che apre la via alla partecipazione del Corpo Forestale dello Stato alla Direzione Nazionale Antimafia anche a livello territoriale è un’ottima notizia”. Il viceministro dell’Interno, Filippo Bubbico, a proposito dell’inserimento del personale del Corpo Forestale dello Stato nella Dia, anche a livello territoriale, non nasconde il proprio apprezzamento: “La presenza del Corpo forestale dello Stato rafforza la capacità operativa della Dia, soprattutto in campo ambientale e agroalimentare dove spesso si concentrano interessi criminali”.

“Con questo inserimento – continua il sottosegretario – si copre un vuoto nell’attività di contrasto alla criminalità intervenendo in un ambito disciplinare su cui il Corpo Forestale svolge un grandissimo ed efficacissimo lavoro sul tutto il territorio nazionale. Proprio la grande conoscenza del territorio e la specificità di intervento su ambiti in cui spesso si concentra l’attività criminale rappresentano un contributo operativo importante per la Dia, per una sempre più efficace azione di prevenzione e contrasto delle attività criminali e illecite”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Legambiente, secondo cui “la cooperazione, la condivisione di metodologie di lavoro e di informazioni da parte di soggetti e istituzioni diverse, rappresentano due aspetti importanti per sconfiggere alla radice la criminalità ambientale e fermare i cosiddetti ladri di futuro”. “Per questo – continua una nota della meritoria associazione – siamo certi che il Corpo Forestale dello Stato, da sempre in prima linea nella tutela dell’ambiente e nella lotta all’ecomafia, porterà un prezioso e fondamentale contributo nell’attività investigativa della Dia per sconfiggere gli interessi criminali che ruotano intorno al traffico illecito dei rifiuti e al settore agroalimentare”.

Tutto ha avuto inizio con il Consiglio dei Ministri del 26 ottobre 2012 che ha approvato in via definitiva, dopo aver acquisito il parere delle Commissioni parlamentari competenti, le modifiche al Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione e che introduce nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia. Il Senato aveva appena definitivamente licenziato il testo del decreto legislativo sulle modifiche del codice delle leggi antimafia in cui è previsto anche il personale del Corpo Forestale dello Stato tra le amministrazioni di cui si può avvalere la Dia.

Comments are closed.