Il 75% dei cattolici vuole il taglio di parlamentari e costi della politica

di | 25 ottobre 2013 | politica | 0 commenti

ParlamentoIl 75% dei cattolici italiani – secondo una indagine condotta per “Famiglia cristiana” dall’Istituto Nazionale di Ricerche Demopolis, dall’11 al 15 ottobre, su un campione di 1.240 intervistati (rappresentativo dell’universo dei Cattolici italiani maggiorenni che si recano a messa almeno una o due volte al mese) vorrebbe una chiara riduzione del numero dei parlamentari e, più in generale, dei costi della politica. Insomma l’appello a “lavorare tutti per il bene comune” di Papa Francesco ha fatto breccia nel cuore dei credenti per un rinnovato impegno in politica e nella società.

Le priorità – secondo  Demopolis – sono quasi obbligate dalle quotidiane urgenze del Paese: tutelare il futuro dei giovani, ritrovare la legalità ed il senso morale in politica, difendere e sostenere la famiglia, rivolgere una maggiore attenzione ai più deboli ed ai segmenti più vulnerabili della società. Assolutamente centrale, per l’83% dei cattolici intervistati dall’Istituto di ricerche diretto da Pietro Vento, è il tema del futuro delle nuove generazioni; i tre quarti degli intervistati richiamano l’esigenza di un impegno per la legalità ed il senso morale in politica. Il 70% indica la difesa della famiglia, più di sei cattolici su dieci considerano prioritari la solidarietà con i più deboli e l’impegno per un’economia maggiormente al servizio dell’uomo.

I temi etici della difesa della vita continuano ad ispirare il profilo valoriale dei cattolici italiani, ma si dimostrano motore di partecipazione sussidiario rispetto all’incalzare di problematiche sociali più “vicine”, quotidianamente vissute dalle famiglie. Tra le urgenze richiamate oggi dai cattolici, netta è la richiesta – secondo i dati della ricerca di Demopolis per Famiglia Cristiana – di politiche di supporto all’occupazione giovanile, di servizi ed aiuti alle famiglie per i bambini, gli anziani, i disabili. L’80% chiede un blocco dei tagli alla sanità ed alle politiche sociali. Assolutamente prioritaria emerge anche la questione morale, soprattutto in politica e nell’amministrazione della cosa pubblica.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.