I consumatori bocciano l’Unione bancaria: non eviterà nuove crisi

di | 19 dicembre 2013 | economia | 0 commenti

ECB euro sculptureI consumatori criticano l’Unione bancaria della Ue: non eviterà nuove crisi. Spacciato come “storico e comparabile all’Unione monetaria”, l’accordo sul meccanismo che farà fallire le banche in modo controllato (Srm) senza che la loro crisi metta a rischio né il sistema finanziario né gli Stati, è l’ennesimo inchino dei ministri economici e dei governi ai grandi cartelli bancari e finanziari ed alla Banca centrale europea. Mediaticamente all’opinione pubblica e ai risparmiatori si sta spacciando per strumento di tutela un meccanismo che invece nasconde soluzioni finanziarie e giuridiche per banchieri e governant , e non in grado di rimuovere le cause delle crisi finanziarie come quella in cui siamo impantanati dal 2008.
“Se davvero i ministri economici, maggiordomi prediletti dei banchieri, avessero voluto offrire strumenti efficaci per evitare i disastri ed i rischi di una nuova Lehman Brothers, alla luce delle recenti crisi sistemiche avrebbero avuto il dovere di introdurre la netta separazione tra le banche commerciali – che prestano denaro per sostenere economia e produzione – e le banche di affari, autorizzate ancor di più, da questo accordo, a spacciare strumenti finanziari e derivati tossici per appagare la smisurata avidità dei banchieri di sistema, sottacendone la responsabilità penale”, accusano Adusbef e Federconsumatori.
“Non ci sarà alcuna stabilità finanziaria e migliori condizioni di finanziamento all’economia reale senza la deterrenza preventiva della galera per i bankster corsari della finanza internazionale, che trovano nei governi e nella Bce i loro massimi protettori”. Le due associazioni di consumatori sono certe che il nuovo parlamento Ue, che uscirà dalle elezioni europee del maggio prossimo, saprà correggere questo ennesimo accordo salva banche che di fatto addosserà ad azionisti, obbligazionisti e correntisti il peso della risoluzione di problemi creati dai banchieri, “accordo vergognosamente spacciato dalle lobby bancarie governative – e dai loro sodali mediatici – per tutela dei mercati finanziari, dell’interesse generale e del bene comune”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.