Governo: vertice Conte-Di Maio-Salvini. “Discutiamo della formazione della squadra”

di | 25 maggio 2018 | attualità, politica | 0 commenti

Il presidente del Consiglio incaricato Giuseppe Conte è alla Camera per un vertice con il capo politico del M5S Luigi Di Maio e il segretario federale della Lega Matteo Salvini. “Parleremo di tutto quello che bisogna fare in vista della formazione della squadra di governo – ha assicurato Di Maio – e ci sarà un confronto tra le forze politiche che sostengono il governo Conte”. Alla domanda se sia disposto a rinunciare al superministero del Lavoro, Di Maio ha risposto: “Non mi pare si stia discutendo di nomi, si sta discutendo dell’assetto di governo per realizzare il programma elettorale. Quando giurerà la squadra? Questo dovete chiederlo al presidente”.

In mattinata, il premier incaricato ha incontrato il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco nella sede dell’Istituto. Al termine della riunione, durata circa un’ora e mazza, Conte è andato via in taxi seguito dalla scorta, così come era arrivato. “Abbiamo doverosamente parlato dello stato dell’economia italiana – ha detto Conte ai cronisti – c’è stato un aggiornamento”. Il premier incaricato ha poi ricordato che la prossima settimana ci sarà la relazione finale di Banca d’Italia.

“Ieri sera, a seguito delle consultazioni con i rappresentanti delle forze politiche in Parlamento, ho incontrato una delegazione di risparmiatori che hanno sofferto per i default di alcune banche. Queste persone, come tante altre, devono essere ascoltate dalle istituzioni. Sono persone che chiedono giustizia e che il loro risparmio venga tutelato come previsto dalla Costituzione”, scrive il premier incaricato Giuseppe Conte in un post su Facebook. “A loro ho detto che la tutela dei loro risparmi, spesso frutto di sacrifici e una vita di lavoro, sarà uno degli impegni principali del Governo del Cambiamento. Chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito”, sottolinea Conte.

Al momento sulla figura di Paolo Savona, indicato al Mef, restano le distanze. Lui stesso, interpellato dai giornalisti, ha detto: “Non ho nulla da dire, il silenzio oggi vale più del parlare”. Mentre sul fronte parlamentare ieri Conte è entrato nel vivo degli incontri con i partiti, ricevendo un ‘no, grazie’ da LeU, Fdi, Pd e Fi ma – ovviamente – le rassicurazioni di Lega e M5s.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.