Genova, i lavoratori dell’Ilva occupano il Comune

di | 11 gennaio 2016 | attualità, lavoro | 0 commenti

I lavoratori dell’Ilva di Genova hanno occupato il cortile di Palazzo Tursi, sede del Comune di Genova. Dietro ad un lungo striscione con scritto “Pacta servanda sunt”, alcune centinaia di lavoratori stanno sfilando per le strade del ponente cittadino sotto una pioggia battente, creando gravi disagi al traffico.
Il corteo è iniziato stamattina e anche se inizialmente doveva recarsi in Prefettura ha fatto una improvvisa deviazione andando a finire in Municipio.

I manifestanti dello stabilimento di Cornigliano chiedono il rispetto dell’accordo di programma del 2005 che prevede il mantenimento dei livelli occupazionali e la continuità di reddito per i dipendenti dell’azienda. Al corteo, a cui hanno preso parte anche delegazioni di lavoratori di altre aziende genovesi, si concluderà davanti alla prefettura del capoluogo ligure.

“La Fiom – ha fatto sapere il segretario generale Fiom Cgil Genova Bruno Manganaro al termine dell’incontro con il prefetto – continuerà l’occupazione di Palazzo Tursi finché il prefetto di Genova non ci darà una data precisa per l’incontro con il governo”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.