Facebook assume esperti di sicurezza per evitare altri Russiagate

Dopo il Russiagate anche Facebook corre ai ripari, il social network vuole assumere dei super esperti che abbiano anche l’abilitazione per la gestione di informazioni classificate. Grazie a loro potrà accedere agli archivi di sicurezza nazionale e anticipare eventuali nuove intrusioni da parte di entità esterne che magari, con l’uso di fake news, possano influenzare l’opinione pubblica.

I possibili candidati non sono molti, si tratta di persone che hanno lavorato nei servizi segreti americane o comunque nelle agenzie collegate all’intelligence a stelle e strisce. La “security clearence” è infatti un’abilitazione internazionale che permette di accedere alle informazioni sensibili. Facebook pensa quindi, attraverso questi documenti, di poter anticipare eventuali problemi come quelli affrontati nell’ultima tornata elettorale.

Il social network è finito nell’occhio del ciclone da quanto si è scoperto che hacker russi sono riusciti ad acquistare annunci per 100mila dollari che sono serviti a far circolare false notizie durante la campagna elettorale presidenziale del 2016. Un’interferenza su cui il governo americano sta ancora investigando.

Lascia un commento