Energia, Federconsumatori boccia idea Antitrust: 50 euro in più a famiglia

di | 21 marzo 2014 | attualità | 0 commenti

solarenergieSono “inaccettabili” le proposte avanzate dall’Antitrust in un’audizione in Parlamento che puntano a “scaricare sugli utenti il costo degli aiuti alle Pmi” e all’abbandono progressivo dei regimi di tutela nel mercato dell’energia. A sostenerlo la Federconsumatori secondo cui il costo per i cittadini porterebbero un aggravio annuo per le famiglie di 50 euro.

Con l’ipotesi dell’Antitrust “gli aggravi prospettati sulla bolletta di una famiglia saranno almeno di 50 euro annui in più”, mentre l’auspicio per un progressivo abbandono del mercato di maggior tutela lascerebbe, secondo l’associazione, “le famiglie in pasto ad un libero mercato che non funziona. Il mercato di maggior tutela va preservato fino a quando non vengano garantiti risparmi significativi per i consumatori e vengano eliminate tutte le pratiche commerciali scorrette all’ordine del giorno nell’attività delle aziende fornitrici di energia (dai ritardi, alle inefficienze, all’attivazione dei contratti non richiesti)”. “Ci risulta estremamente curioso e non riusciamo francamente a comprende come l’Antitrust, Autorità che dovrebbe favorire la trasparenza del mercato e tutelare i cittadini, possa anche solo lontanamente concepire delle misure di questo tipo, così dannose e controproducenti per le famiglie. Anzi, al contrario, riteniamo che bisognerebbe fare di tutto per ridurre l’impatto fiscale sulle bollette e traslare gli oneri di sistema sulla fiscalità generale”, conclude la nota.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.