Emergenza carceri, via libera della Toscana al superamento dell’Opg di Montelupo Fiorentino

di | 29 agosto 2013 | attualità | Commenti disabilitati su Emergenza carceri, via libera della Toscana al superamento dell’Opg di Montelupo Fiorentino

montelupoLa Regione Toscana ha approvato il piano di superamento dell’Ospedale psichiatrico giudiziario di Montelupo Fiorentino, come previsto dalla legge che indica la data del 31 marzo 2014 per la chiusura definitiva di questo tipo di strutture.L’atto contiene il piano, che il Ministero della Salute ha già ricevuto e letto, e che adesso, con l’approvazione della delibera, ottiene la formalizzazione per l’assegnazione delle risorse statali (11 milioni di euro circa) necessarie per l’attuazione.

Il piano prevede tre livelli di intervento. Il primo viene realizzato attraverso i servizi socio-sanitari territoriali, incrementando i percorsi terapeutici e riabilitativi che la Regione ha avviato fin dal 2008, e potenziato e consolidato negli ultimi tre anni. Le persone internate per le quali la magistratura abbia escluso la pericolosità sociale verranno prese in cura dalle Asl che le inseriranno in progetti di terapia e riabilitazione individuali.

Il secondo livello prevede il potenziamento delle strutture sanitarie psichiatriche intermedie,  destinate ad accogliere le persone sottoposte a misure di sicurezza non detentive. Le residenze saranno 4, distribuite sul territorio in modo da garantire la prossimità dei pazienti internati che rientrano nei luoghi di provenienza. Infine il terzo livello, la residenza con sorveglianza intensiva.

Sarà, come previsto dalla legge, la nuova  struttura sanitaria con vigilanza perimetrale,  che accoglierà persone che devono scontare misure di sicurezza detentive. La delibera approvata dalla giunta prevede anche il coinvolgimento e il supporto tecnico scientifico del mondo accademico, per assicurare il pieno livello di umanizzazione, sicurezza e sostenibilità delle opere edilizie da realizzare e degli interventi programmati, promuovere lo sviluppo delle competenze professionali di tutte le figure professionali operanti nelle strutture, anche con specifici percorsi formativi, e monitorare il processo complessivo di superamento dell’Opg.

Comments are closed.