Elezioni, Renzi: La sfida non è tra noi e il centrodestra, ma tra noi e i 5 Stelle

 

Al Lingotto di Torino si scalda la campagna elettorale del Pd con Renzi che afferma senza mezzi termini: “La sfida non è tra noi e il centrodestra, ma tra noi e i 5 Stelle”. Ed ha aggiunto: “Lo dico ai moderati che hanno paura dei 5 Stelle l’alternativa non è il centrodestra, ma il Pd. Perché o arriviamo prima noi o arrivano prima i 5 Stelle”. “L’incompetenza è il nostro avversario da battere alla prossime elezioni politiche del 2018”, ha spiegato l’ex premier, aggiungendo che “noi siamo gli unici a poter mettere in sicurezza il Paese”. In merito al centrodestra, invece, ha commentato: “Il centrodestra si presenta come un’alleanza solida ma è l’alleanza dello spread”.

 

“A me di spelacchio non interessa granché – Ha detto Renzi introducendo il discorso sull’amministrazione grillina di Roma – Il punto non è se è bello o brutto, ogni spelacchio è bello a mamma sua. Il punto non è se è bello o brutto ma che se costa il doppio di altri alberi è un problema di incompetenza”.

 

Parlando invece della situazione del Pd l’ex premier ha detto: “Non è importante il nome di chi andrà a Palazzo Chigi l’importante è che sia del Pd. Noi siamo una squadra”. “Siamo la forza e il coraggio di questo Paese – ha proseguito – quindi andiamo a vincere queste elezioni, andiamo a giocare questi 50 giorni all’attacco e non sulla difensiva”. “Possiamo fare un appello al voto utile alla sinistra, così come possiamo farlo sui moderati – ha spiegato Renzi – i moderati lo vedono il bicchiere mezzo pieno e lo sanno che quelli che oggi tornano come fosse niente e promettono miracoli sono gli stessi che hanno governato per decenni senza risolvere nessuno dei problemi. Noi siamo quelli che possono mettere in sicurezza i loro figli. Ma non possiamo fare la campagna elettorale solo sul voto utile”.

Lascia un commento