Tasi, quanto costa la nuova Imu

di | 9 gennaio 2014 | attualità | 0 commenti

tasiIl governo aumenta ancora le tasse. A Roma e Milano per un appartamento di 120 metri quadri si dovranno pagare 700 euro. È la Tasi, la nuova imposta sui servizi locali alla prima casa. Di fatto, il tributo che sostituisce l’Imu. L’importo non sarà uguale dappertutto.
I Comuni, infatti, potranno determinare un’aliquota addizionale, esclusivamente per finanziare gli sgravi ai contribuenti meno abbienti. La forbice di questa aliquota aggiuntiva è compresa tra uno e otto millesimi di punto. In pratica, sarà la Tasi a sostenere il welfare comunale e i servizi alla persona, ma solo per le categorie più deboli. Con le addizionali, l’aliquota massima potrà raggiungere lo 0,33% del valore dell’immobile. Ancora da decidere se l’aumento potrà essere applicato solo alla prima casa o anche agli altri immobili. In questi ultimi è ancora in vigore l’Imu e la somma tra imu e tasi non potrà superare l’1,06% o l’1,14% del valore.
Nel dettaglio, per le abitazioni di taglio più piccolo, la città più cara è Roma con 443 euro. Seguono Bologna con 386, Torino con 353 e Milano con 344. Se, per esempio il Comune di Milano optasse per l’aliquota più alta, la Tasi 2014 nel capoluogo lombardo sarebbe addirittura più alta dell’Imu del 2012, di ben 130 euro.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.