Crisi, l’allarme di Unimpresa: famiglie e aziende non spendono

di | 20 febbraio 2014 | attualità | 0 commenti

spesaOrmai il dato è conclamato: la crisi sta impoverendo le famiglie italiane, tanto da bloccare consumi e processo produttivo. Chi può permetterselo preferisce risparmiare, scoraggiato com’è dal quadro negativo. ”Gli italiani non spendono più e lasciano in banca quasi 29 miliardi di euro in più in un solo anno. La recessione, i timori per nuovi scossoni della crisi finanziaria e per nuovi inasprimenti fiscali frenano i consumi dei cittadini e gli investimenti delle aziende: a dicembre 2013 sono arrivati a quota 1.063,68 miliardi di euro i salvadanai finanziari delle famiglie e delle imprese in aumento di 28,65 miliardi rispetto ai 1.035,03 miliardi di dicembre 2012 con una crescita del 2,77%”. Lo rileva un’analisi del Centro studi Unimpresa che mette in evidenza, nell’arco di dodici mesi, ”un aumento complessivo delle riserve di imprese, famiglie, fondi, assicurazioni, onlus e intermediari finanziari pari a 21,1 miliardi di euro (+1,50%)”.
Secondo lo studio Unimpresa, basato su dati della Banca d’Italia, la crescita dei depositi bancari non riguarda tutti i comparti. ”Sono saliti, infatti, i depositi delle aziende (+6,96%) passando da 188,55 miliardi a 201,68 miliardi (+13,12 miliardi) e quelli delle imprese familiari, saliti da 43,06 miliardi a 44 miliardi (+2,20%) grazie a un ‘risparmio’ di 948 milioni. In aumento sono anche le riserve delle organizzazioni non lucrative senza fini di lucro: i depositi delle onlus sono risultati in crescita di 497 milioni, saliti a 22,60 miliardi (+2,25%) dai 22,10 dell’anno precedente”.
”Calano del 15,49% invece i depositi di assicurazioni e fondi pensione, scesi da 23,86 miliardi a 20,16 miliardi (-3,69 miliardi).
Giù anche i salvadanai delle banche: i loro depositi risultano in diminuzione dell’1,42% da 328,13 miliardi a 323,48 miliardi (-4,65 miliardi). Le riserve delle famiglie risultano in crescita dell’1,83% di 15,52 miliardi: a dicembre 2012 i depositi erano a quota 846,48 miliardi e un anno piu’ tardi sono schizzati a 862,00 miliardi. Complessivamente i depositi sono passati da 1.452,20 miliardi a 1.473,94 miliardi in aumento di 21,74 miliardi (+1,50%)”, spiega Unimpresa.
”Tra i risultati più rilevanti dell’analisi per strumento, il comparto del conto corrente ha registrato la crescita più alta tra dicembre 2012 e dicembre 2013: da 722,36 miliardi a 741,92 miliardi (+2,71%) in aumento di 19,56 miliardi. Per i pronti contro termine è stato invece rilevato un calo di 3,90 miliardi (-3,06%) da 127,74 miliardi a 123,83 miliardi. I depositi incolati a breve scadenza sono saliti da 305,20 miliardi a 314,55 miliardi (+3,07%) con un amento di 9,35 miliardi. Sono cresciuti anche i depositi rimborsabili con preavviso: lo stock di denaro è passato da 296,80 miliardi a 299,52 miliardi (+0,92%) in salita di 2,71 miliardi”, continua Unimpresa.
“È evidente che gli italiani, in particolare le famiglie, subiscono pesantemente i contraccolpi della crisi e la stanno pagando soprattutto in termini di crollo della fiducia. Ed è proprio la paura di nuovi scossoni e l’incertezza sul futuro a frenare la spesa e quindi i consumi – osserva il presidente di Unimpresa, Paolo Longobardi – . Ma le famiglie e le imprese temono pure altre stangate fiscali. Ancora non è chiaro qual è il programma del nuovo governo che sta per essere formato da Matteo Renzi, ma ogni tanto si parla di patrimoniale e certe voci frenano inevitabilmente i consumi”.
Secondo il presidente di Unimpresa “serve un segnale forte e magari questo segnale deve arrivare proprio dal calo della pressione fiscale. Come abbiamo già osservato, il giro di vite Iva dello scorso anno ha provocato un calo del gettito e la riduzione delle entrate potrebbe aumentare ancora. Allo Stato non conviene alzare troppo l’asticella del fisco”.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.