Crisi, un italiano su quattro chiederà un prestito per le spese di Natale

di | 5 dicembre 2017 | attualità, economia | 0 commenti

Siamo alle solite: l’Italia è in ripresa, c’è più lavoro, si vede la luce in fondo al tunnel, ma intanto un italiano su quattro per fare i regali di Natale e far fronte ai cenoni, si deve indebitare chiedendo un prestito. Infatti, secondo un sondaggio di Facile.it e Prestiti.it il 24% degli italiani farà ricorso a una finanziaria per sostenere le spese natalizie. In particolare, il 15% chiederà un prestito per il cenone. Il 43,7% per pagare la settimana bianca, il 40,6% per comprare i regali.

Fra chi dichiara che ricorrerà a un finanziamento, oltre la metà (53.1%) cercherà di ottenere più di 2mila euro, il 15,6% una cifra compresa tra i mille e i duemila euro mentre il 31,3% è orientato su un importo inferiore ai mille euro. Per quanto riguarda la durata dei finanziamenti, gli italiani cercheranno di rimborsare il prestito in un periodo relativamente breve: il 53% ha dichiarato di volerlo restituire in meno di 12 mesi, il 19% entro i 24 mesi mentre meno di 1 su 3 il (il 28%) opterà per un piano rateale superiore ai due anni.

Per cosa gli italiani utilizzeranno la somma richiesta? Tra coloro che hanno intenzione di chiedere un prestito personale o di optare per un pagamento rateale durante le feste, il 43,7% utilizzerà la somma per pagare una vacanza (più frequentemente la settimana bianca), il 40,6% per comprare i regali e il 15,6%, appunto, per sostenere i costi del cenone.

Quali saranno, invece, i regali più acquistati dagli italiani con queste somme? Nel 33% dei casi si tratterà di un elettrodomestico. Seguono in classifica l’arredamento, che raccoglie il 26,7% delle preferenze, i giocattoli con il 20% e i beni tecnologici, tra cui smartphone, tablet e pc, indicati nel 13,3% dei casi.

Mentre le donne sono più orientate a ricorrere a un finanziamento per regali di Natale e settimana bianca, gli uomini vorrebbero destinare l’importo alle spese del cenone o della festa di Capodanno. Si notano differenze di genere anche nell’analisi degli importi: le donne si orientano verso prestiti più contenuti (sotto i mille euro) o verso quelli più elevati (più di duemila euro), mentre gli uomini optano per un importo superiore ai mille euro.

Il 47% di coloro che hanno dichiarato di voler ricorrere a un prestito ha un’età compresa tra i 36 e i 45 anni. Seguono le fasce tra il 26 e i 35 anni e quella tra i 46 e i 60 (entrambi con il 18,75%). 

Ma ci sono anche coloro che non intendono richiedere un prestito personale. Di questi, il 49% ha dichiarato di ritenere i regali di Natale un motivo futile per ricorrere ad una finanziaria, il 35% non ne ha bisogno mentre il 16% non vuole aggiungere un nuovo finanziamento sul bilancio familiare.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.