Crisi, il 40 per cento degli italiani vive alla giornata

di | 25 novembre 2013 | economia, Senza categoria | 0 commenti

crisi economicaLa crisi economica sta impoverendo progressivamente il Paese tanto che quattro italiani su dieci ormai vivono alla giornata. L’allarme arriva dal rapporto del Centro studi Einaudi, che stila anche un bilancio dei settori produttivi italiani: crollo per gioielli e auto, mentre tengono bene il mercato i prodotti alimentari e i giochi.
Il 40% degli italiani vive alla giornata, un terzo degli abitanti del Paese non programma il futuro della propria famiglia oltre i sei mesi. Questo è il quadro preoccupante che ritrae il Centro Einaudi sui dati dell’Eurobarometro. Peggi di noi stanno si sta soltanto In Grecia, dove coloro che non sono in grado di fare progetti sono il 68% del totale. Al contrario, in Germania soltanto il 15%, in Austria addirittura il 10%.
Il diciottesimo rapporto del Centro studi Luigi Einaudi stila anche un bilancio dei settori produttivi italiani. Nell’industria la crisi del mercato interno è stata pagata soprattutto dalla gioielleria e dal comparto dei mobili, che dal 2005 hanno visto scendere i loro fatturati del 26%. Anche le aziende della componentistica per auto sono andate male (ricavi in calo del 22% in 8 anni) e la stessa industria automobilistica con un cale del 14%, che nel solo periodo nero 2007-2008 ha perso il 58% di fatturato per poi recuperare. Un caso a parte è quello delle macchine industriali, che in Italia hanno registrato un aumento del 18% delle vendite e all’estero un boom del 197%.
Nell’export i prodotti italiani che hanno registrato i migliori risultati sono le forniture e le macchine mediche (+69%), oltre all’alimentare industriale (+68%). Anche nelle vendite all’estero la gioielleria accusa un calo (-10%) mentre tengono mobili e comparto del legno.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.