Confartigianato: con la Tares pizzetterie e laboratori di pasticceria a rischio tracollo

di | 27 agosto 2013 | economia | Commenti disabilitati su Confartigianato: con la Tares pizzetterie e laboratori di pasticceria a rischio tracollo

pizzetteNel passaggio dalla Tarsu alla Tares chi ci rimette sono gli artigiani. Alcune imprese con l’arrivo del nuovo balzello vedono profilarsi il rischio salasso.

Lo sostiene Confartigianato che ha calcolato l’impatto del nuovo tributo su rifiuti e servizi. Nel mirino finirebbero, ad esempio, le attività artigiane di pizza al taglio operanti in piccoli Comuni che attualmente applicano la Tarsu e che, con l’introduzione della Tares, subirebbero rincari del 301,1%. Non andrebbe meglio per i laboratori artigiani di pasticceria che pagherebbero il 181,7% in più. Aumenti significativi anche per i piccoli produttori di pane e pasta che nel passaggio da Tarsu a Tares sarebbero costretti a sborsare il 93,6% in più.

“Una situazione insopportabile – afferma il presidente di Confartigianato, Giorgio Merletti – gli imprenditori non possono sopportare ulteriori aumenti di pressione fiscale, né l’incertezza su tempi e modalità di applicazione dei tributi”. I rincari derivanti dalla Tares andrebbero a sommarsi ai continui aumenti registrati in questi anni dalle tariffe dei rifiuti: tra marzo 2012 e marzo 2013 sono cresciute del 4,9%, tra marzo 2008 e marzo 2013 gli aumenti sono stati del 22,1%e, addirittura, negli ultimi 10 anni hanno raggiunto il + 56,6%.

La Tares è stata introdotta dal Decreto Legge 6 dicembre 2011 n. 206[1] (cosiddetto “Salva Italia”) convertito in Legge 22 dicembre 2011 n. 214; sostituisce la Tariffa di igiene ambientale (Tia) e Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (Tarsu).

Il nuovo tributo consiste in un’imposta basata sulla superficie dell’immobile di riferimento, il numero dei residenti, l’uso, la produzione media dei rifiuti ed altri parametri ed ha come obiettivo la copertura economica per intero del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti del comune.

Comments are closed.