Cnr: dopo tanta pioggia, forse estate secca e torrida

di | 13 febbraio 2014 | ambiente | 0 commenti

caldoDopo così tanta pioggia, l’estate potrebbe essere all’insegna della siccità. Il Consiglio nazionale delle ricerche ritiene che le forti precipitazioni invernali provocheranno un’estate 2014 tra le più calde e secche mai registrate. Gli esperti sottolineano che è ancora presto per fare previsioni ma le abbondanti piogge che hanno caretterizzato questo mite inverno fanno pensare che tra giugno e agosto 2014 gli italiani patiranno un caldo piuttosto elevato.
Gli scienziati hanno analizzato gli effetti delle precipitazioni sull’Adriatico settentrionale e hanno scoperto che le forti piogge di questo periodo hanno generato una massa d’acqua calda e poco densa di elevate proporzioni che non riesce a ragiungere i fondali del Sud Adriatico e dello Ionio. Questo fenomeno potrebbe quindi comportare un’estate calda e secca.
I mutamenti climatici sono già in atto e alcuni prevedono che saranno piuttosto radicali. Le acque dense registrate nel Nord Atlantico, ad esempio, potrebbero avere effetti su precipitazioni e temperature a livello globale. Nel frattempo è stato provato che l’eolico non ha effetti significativi sulle correnti d’aria e, di conseguenza, sul clima.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.