Brexit: Farage propone un secondo referendum ma non è uno scherzo

di | 12 gennaio 2018 | esteri | 0 commenti

Nigel Farage sembra non essere troppo contento della feroce polemica che in Inghilterra ancora infuria tra fautori della Brexit e tutti quelli che ci hanno ripensato, o che fin dall’inizio erano contrari, questi ultimi, fin dal giorno dopo il voto, hanno caldeggiato una seconda consultazione con la quale, ne sono certi, il popolo britannico sarebbe tornato sui suoi passi avendo compreso il proprio grave errore storico. Ora Farage (che per la cronaca ancora prende lo stipendio dall’odiata Unione Europea) ha deciso di far uscire i suoi seguaci dall’angolo con una proposta che dalle sue labbra suona ridicola: “Forse, dico forse, dovremmo tenere un secondo referendum sulla Brexit. Metterebbe fine alla questione per una generazione una volta per tutte”. Il leader dell’Ukip forse sa bene che per la May sarebbe come scavarsi la fossa e quindi la cosa non può avvenire, in questo modo però lui ha fatto sicuramente la figura dell’audace e di quello certo di avere in pugno una vittoria che in realtà difficilmente potrebbe avvenire.

 

La May comunque ha sgombrato il campo ad ogni speranza degli europeisti  affermando, tramite un suo portavoce, di escludere categoricamente la possibilità di indire un secondo referendum. “Sarebbe un tradimento agli elettori”, ha dichiarato il primo ministro, in risposta alla proposta evocata da Nigel Farage di una seconda consultazione popolare. Per la leader Tory inoltre un nuovo referendum avrebbe conseguenze negative sui negoziati con Bruxelles.

Lascia un commento

Devi essere loggato per scrivere un commento.