Boom di presenze alla “VI Festa annuale dei cooperatori immigrati con le loro famiglie”

di | 24 settembre 2013 | attualità | Commenti disabilitati su Boom di presenze alla “VI Festa annuale dei cooperatori immigrati con le loro famiglie”

foto di gruppoIl mondo delle cooperative sociali si allarga sempre di più ed ogni anno si “colora” di soci provenienti da ogni angolo del mondo. Ed è proprio a queste persone che è stata dedicata la “VI Festa annuale dei cooperatori immigrati con le loro famiglie”, organizzata da Confcooperative Roma Capitale e dall’Associazione Nuovi europei. In questo importante  evento  attraverso la condivisione di storie, testimonianze e dei momenti di preghiera verrà infatti ribadito un concetto fondamentale, ossia che l’unione genera ricchezza. Non poteva mancare il sostegno del Ministero dell’Integrazione.

La ministra Cécile Kyenge sta portando avanti con forza e coraggio una battaglia contro l’insensatezza del razzismo, non ha potuto partecipare alla festa ma  ha inviato un messaggio letto durante la manifestazione dalla presidente dell’Associazione Nuovi europei, Reyna Victoria Terrones Castro: “So bene quanto oggi sia significativo il ruolo imprenditoriale tra gli immigrati presenti nel nostro Paese, un ruolo che ha diversi significati; propulsivo nel processo integrativo, per l’apporto economico che questo porta al nostro tessuto produttivo, per essere infine un veicolo di affermazione sociale ed umana. il vostro ruolo è dunque molto importante per definire le linee guida che permettano a  quanti vogliono cimentarsi in questa cultura imprenditoriale di avere strumenti ed apporti professionali in grado di aiutarli in questo percorso. Purtroppo non potrò essere con voi, ma vi posso assicurare che vi sono vicina e che non mancherò in futuro per poterci incontrare e confrontare”.

“La Festa si celebra quest’anno in una contingenza particolare – afferma la presidente dell’Associazione Nuovi europei – la drammaticità assunta dal problema della immigrazione umanitaria rappresentata dai rifugiati provenienti dai Paesi delle guerre e la forte presenza del  messaggio di Papa Francesco perché non ci si ‘volti dall’altra parte’ di  fronte a questi problemi del nostro tempo. Su questi temi vogliamo dare attenzione e fare la nostra parte. Ne abbiamo discusso di recente con lo staff della Ministra Kyenge che ci ha chiesto di collaborare per processi di integrazione reale. Cosa che facciamo, vista la presenza di tanti immigrati nelle Cooperative. Serve un salto di qualità”.

Alla “VI Festa annuale dei cooperatori immigrati con le loro famiglie” ha partecipato anche Osa, cooperativa che ha una forte componente di lavoratori provenienti da ogni parte del mondo. “Il sistema della cooperazione – commenta il Presidente di Osa Giuseppe Maria Milanese – è uno straordinario laboratorio di condivisione. Il fatto che tutti i lavoratori, da ovunque essi arrivino, qualunque sia la loro storia, abbiano davanti lo stesso obiettivo, assistere le persone in difficoltà, agevola quel meccanismo virtuoso dell’integrazione che trasforma ogni differenza in una nuova ricchezza. Per questo penso che anche in questo campo il nostro modello abbia molto da insegnare e sono orgoglioso che Osa partecipi alla Festa dei cooperatori immigrati”.

Infine il Presidente di Confcooperative Roma e Lazio, Carlo Mitra ha sottolineato il successo della giornata: “Ogni anno cresce la presenza di immigrati che grazie alla Associazione incontrano la cooperazione, straordinario il processo di integrazione tra le comunità e nelle Cooperative dove ormai sono migliaia i Soci. Dobbiamo dare grande attenzione a questo lavoro per rispondere ad un dovere di solidarietà e mutualità ma anche per curare il futuro della Cooperazione il cui sviluppo sarà sempre più multicolore, una esperienza molto bella. Un grazie particolare a Reyna Terrones che con il suo entusiasmo e impegno aggrega questa straordinaria umanità di nuovi europei”.

Comments are closed.